“Il degrado del suolo, la perdita di biodiversità e i cambiamenti climatici sono tre facce diverse di un’unica sfida mondiale”. Lo ha evidenziato Confagricoltura alla vigilia della ‘Giornata mondiale della lotta alla desertificazione’, indetta dall’Onu per il 17 giugno.
Il degrado del suolo – ricorda l’Organizzazione degli imprenditori agricoli – mette a repentaglio il benessere di almeno 3,2 miliardi di persone, con costi che superano il 10 per cento del prodotto lordo globale annuo, senza contare la conseguente perdita di biodiversità e i pericoli per la sicurezza alimentare.
Se al degrado del suolo si aggiungono i problemi strettamente correlati ai cambiamenti climatici, tra poco più di tre decenni, circa 4 miliardi di persone vivranno in aree aride. E recenti studi già stimano flussi migratori che interesseranno circa 700 milioni di persone.
In ambito agricolo, entro il 2050  – ha  rimarcato ancora Confagricoltura – la combinazione del degrado del suolo e dei cambiamenti climatici ridurrà i raccolti globali in media del 10 per cento. E fino al 50 per cento in alcune regioni. E la desertificazione riguarda anche il nostro Paese. Con il 21 per cento della superficie a rischio, di cui il 41 per cento al Sud, l’Italia è lo Stato che in Europa risente di più dei cambiamenti climatici. Fenomeni che portano a una perdita di fertilità del terreno, con minor presenza di nutrienti e di vita microbiologica, con la conseguenza di rendere difficile la crescita delle piante.
“L’agricoltura può avere un ruolo importante in questa “lotta” – ha commentato l’Organizzazione degli imprenditori agricoli – purché sia messa nelle condizioni di mettere in atto, al più presto, azioni di mitigazione e adattamento, attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie, come l’uso di coltivazioni di specie che hanno minor necessità di acqua, che tollerano la salinità, attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie come la precision farming, l’agricoltura conservativa e sistemi integrati di colture, allevamenti e silvicoltura”.
Una delle principali sfide è quella di riportare nel terreno la sostanza organica. Per tale motivo, ad avviso di Confagricoltura, occorre lanciare un ambizioso progetto dedicato al suolo per il reintegro della sostanza organica, utilizzando in modo razionale i biofertilizzanti esistenti nel territorio, a partire dagli effluenti zootecnici, al digestato prodotto dagli impianti agricoli di biogas, al compost, ecc. e, dove possibile, applicare sempre più le tecniche di semina diretta.
“Tutte le misure che potranno essere messe in atto, tuttavia, non saranno sufficienti – conclude Confagricoltura – se non si interverrà sui modelli di consumo: l’elevato e crescente consumo pro capite, amplificato dal costante aumento della popolazione mondiale, provoca un incremento insostenibile dell’utilizzo di risorse naturali e dell’urbanizzazione”.

Studio Giornalisti  Adriano Del Fabro
via Bertaldia, 29  33100 Udine
cell 338.3245229

in copertina: Massimiliano Giansanti, il nuovo presidente Confagricoltura, imprenditore agricolo romano, 43 anni, presidente di Agricola Giansanti srl e amministratore del Gruppo Aziende Agricole Di Muzio con imprese agricole nelle province di Roma, Viterbo e Parma, è subentrato a Mario Guidi.

, , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento