Lant Ator

Se nel mese di agosto non siete in giro per il mondo o ad abbronzarvi sulle nostre belle spiagge, potete approfittare delle tante proposte che arrivano dalla Carnia, l’area montana più vasta del Friuli Venezia Giulia: una terra affascinante, ricca di storia e tradizioni, piena di risorse e di sorprese per chi non l’ha ancora conosciuta. Incontaminata zona di confine fra Italia e Austria, la Carnia ha custodito intatti nel tempo usi e valori a volte dimenticati.   Il naturale isolamento di queste montagne ha permesso fra l’altro di conservare usi e tradizioni ancor oggi molto sentiti – che la gente del posto condivide volentieri con i turisti – e una tradizione gastronomica assolutamente originale, che ogni anno segue immancabilmente il corso delle stagioni, poiché ha alla base gli ingredienti poveri e genuini della montagna, quali la farina di mais e di grano saraceno, le patate, i fagioli, la carne suina e la selvaggina, le profumatissime erbe di montagna, i saporiti funghi, l’eccezionale varietà di prodotti delle malghe (latte, burro, formaggi, ricotte salate e affumicate).
Tante buone – anzi, buonissime! – cose che vengono puntualmente proposte durante feste e kermesse legate a gastronomia e ad antiche tradizioni, appassionanti competizioni sportive, eventi: l’estate in Carnia è infatti animata da un fitto calendario di appuntamenti, occasioni per trascorrere qualche giorno fra queste incantevoli montagne.    Ma ecco il calendario dei principali eventi di fine luglio – agosto.

 

29 luglio monte Zoncolan
“Fasjn la mede”

Torna anche quest’anno, sul monte Zoncolan, in Comune di Sutrio, la tradizionale manifestazione “Fasjn la mede”, ovvero “Facciamo i covoni di fieno”.

L’appuntamento è domenica 29 luglio.   Dalla mattina alle 9.30 fino al pomeriggio sui prati si susseguiranno le varie fasi della fienagione.  Per vivere appieno la festa, si può alloggiare a Sutrio a Borgo Soandri, l’albergo diffuso ricavato dalla ristrutturazione di antiche case.

Pacchetti turistici su:      www.albergodiffuso.org   o clicka sulla foto

.

29 luglio e 5 agosto Forni Avoltri  
“Festa dei frutti di bosco”

Per le vie di Forni Avoltri viene allestito un grazioso mercatino dove è possibile acquistare frutti di bosco, prodotti dell’artigianato e dell’agroalimentare locale.   Degustazione di piatti tipici a base di frutti di bosco ed escursioni guidate nel bosco per raccoglierli.   La festa è allietata da musica e intrattenimenti per i più piccoli

29 luglio-26 agosto Socchieve
38° “Rassegna artigianale e artistica della Carnia”

Vetrina di eccellenza dell’artigianato carnico, questa rassegna ormai “storica” valorizza e promuove la creatività e l’ingegno di artigiani ed artisti locali.  Vi sono esposti oggetti legati alle tradizionali lavorazioni della montagna, ma anche pezzi frutto di nuove tecniche e opere d’ artisti: oggetti e sculture in legno, pelletterie, ceramiche, gioielli, abbigliamento in lana cotta, biancheria per la casa tessuta con decori tradizionali, antichi mobili sapientemente restaurati e pezzi di liuteria insomma. Una trentina gli espositori, per una raffinata mostra che di anno in anno seleziona e racconta le novità e l’evoluzione dell’artigianato artistico in Carnia.   Da non perdere per scoprire il piacevole connubio tra modernità e tradizione, che la creatività carnica sa regalare.

 “Scarpets”, le tipiche ciabatte in tessuto che usano le donne in Carnia.

5 agosto Arta Terme, frazione Rivalpo-Valle
“Sagra dai Cjarsòns”

In degustazione diverse versioni dei “cjarsòns” (sorta di ravioli, tipico piatto carnico caratterizzato dall’accostamento tra dolce e salato): la sagra che ad essi dedica questo piccolo borgo è una delle più sentite ed autentiche dell’estate 2018.   Come accompagnamento musica tradizionale.

12 agosto Paluzza
“Palio das Cjarogiules”

Un tempo le “lougies”, slitte con le ruote, erano impiegate nel trasporto del legname e dei prodotti della terra. Oggi, in occasione di questo singolare palio carnico, sono utilizzate per un’acrobatica, sportiva e accesissima sfida tra i borghi del paese, a cui fanno da contorno musica e gastronomia tradizionali.

 Il Palio “das Cjarogiules” che si disputa a Paluzza.
(Foto A. Cella)

Sabato: degustazione piatti tipici.    Domenica: palio con le “lougies” tra i borghi del paese.

www.paliodascjarogiules.it

11,12 e 15 agosto Sauris frazione Lateis
“Festa del formaggio salato e di malga”

Fra i più attesi appuntamenti del mondo delle Malghe, che la Carnia dedica ogni estate ai lavori e ai prodotti dei suoi alpeggi.   Questa volta lo scenario è l’incantevole borgo di Sauris e il protagonista, accanto ai formaggi di malga, è il formaggio salato, maturato in salamoie secondo un’antica tradizione locale.   Degustazioni di piatti a base di formaggi, musica e folclore, Mercato del formaggio di malga, escursioni con guida in malga e animazioni per bambini.

Prodotti caseari alla festa del “formadi salat” a Lateis di Sauris.

15 agosto Timau
51° “Ferragosto timavese”

Molteplici le iniziative folcloristiche, culturali e gastronomiche che allietano la serata.   Sotto il tendone della piazza si svolge da anni la rassegna della ricotta di Malga: degustazione dei tradizionali “kfon” (cjalcions) abbinati alle ricotte prodotte dalle malghe delle nostre montagne e da quelle d’Oltralpe.

19 agosto Forni Avoltri
“Staffetta internazionale 3 Rifugi”

Gara internazionale di corsa in montagna, un grande classico a cui partecipano centinaia di atleti italiani e stranieri.    Giunta alla sua 56° edizione, è una delle più impegnative e spettacolari gare internazionali di corsa in montagna delle Alpi.    La partenza è dalla frazione di Collina.   Il percorso tocca tre fra i più bei rifugi del Friuli Venezia Giulia, ovvero il Tolazzi, il Lambertenghi Romanin, il Marinelli.

www.3rifugi.com.

19 agosto Ravascletto
“Fiesta tas corts”

A Ravascletto si ripete ogni anno in agosto la “Fiesta tas Corts”, una fra le feste più autentiche e originali della Carnia.   A far da regina a questa Festa nei cortili è la gastronomia, grazie all’infaticabile disponibilità delle donne del paese che aprono per l’occasione le loro case ed offrono ai visitatori antichi piatti e specialità gastronomiche della cucina carnica, realizzate recuperando le vecchie ricette di famiglia.   I piatti che le donne del paese preparano per l’occasione sono quelli che ciascuna di loro ha imparato a cucinare dalla madre e dalla nonna e quindi – pur essendo simili come base – variano da casa a casa e presentano, di volta in volta, mille sapori diversi, frutto dei piccoli segreti che ogni cuoca conserva gelosamente.   Si mangia nei cortili delle case e nei prati, all’allegro suono delle note delle fisarmoniche.

 “Fiesta tas corts” a Ravascletto: alla scoperta dei sapori di una volta.

 

25-26 agosto Paularo

“Mistîrs – Cultura, tradizioni e mestieri della Val d’Incarojo”

“Mestieri d’altri tempi” come specifica il sottotitolo di questa fortunatissima festa di fine agosto.  

Appuntamento dunque il 25-26 agosto  a Paularo per :

“Mistîrs – Cultura, tradizioni e mestieri della Val d’Incarojo”

 Piazze ed angoli caratteristici di Paularo vengono animati da rappresentazioni di antiche usanze e mestieri che, mescolandosi a canti e musiche, portano indietro nel tempo, creando un’atmosfera di grande suggestione.

Per informazioni:    info@carnia.it

 

in copertina:

 Domenica 29 sul monte Zoncolan torna la festa della fienagione.

Qui in basso:  ecco i caratteristici costumi tradizionali della Carnia.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento