Con il Wine sea bus alla scoperta della vendemmia: è la proposta lanciata a quanti mercoledì 12 settembre saranno ancora in vacanza a Lignano Sabbiadoro. In altre parole, è l’invito a lasciare per un pomeriggio la spiaggia per fare poche decine di chilometri (fra andata e ritorno) e andare a vedere “dal vivo” come si raccoglie l’uva e come avvengono le prime fasi di vinificazione. La partenza è fissata alle 17 e l’arrivo è previsto alle 22: il luogo di ritrovo è sempre quello dell’Infopoint di via Latisana, 42.

Due le mete scelte per gli ospiti di Lignano, a Castions di Strada e a Palazzolo dello Stella. Ma andiamo con ordine.
Esperienze gustative e sensoriali in vendemmia saranno proposte alla Cantina Casali Aurelia (Castions di Strada), dove Federico Filippi riceverà la comitiva per un aperitivo di benvenuto ed una passeggiata al laghetto, dove si potranno osservare specie di volatili tipici della zona. Quindi, visita della cantina in vendemmia con “shottino” di mosto. Degustazione guidata di vini abbinati ad un tradizionale frico morbido al profumo di funghi di stagione servito con polenta di mais grigliata.
La vendemmia con profumo di mare è invece la successiva proposta alla Cantina Isola Augusta (Palazzolo dello Stella), dove Margarethe Trevisan accoglierà gli ospiti con un aperitivo di benvenuto seguito da una passeggiata tra i vigneti appunto in piena vendemmia. Quindi, degustazione guidata di vini abbinati a fragranti specialità locali quali prosciutto San Daniele e formaggio Montasio dolce. Il prezzo: 40 euro con assistente di viaggio, trasporto e Wine bus kit incluso.

Per ulteriori informazioni: e-mail info@vinoesapori.it  telefono 00390432611401

Sito Web  Wine Sea Bus 

“Una rete in agricoltura per aggredire il mercato”

“Creare una rete fra produttori per garantire a un sistema Fvg contraddistinto da piccole aziende di conquistare il mercato globale e, sul fronte promozione, valorizzare l’abbinamento territorio-eccellenze agroalimentari per costruire una proposta unitaria, strutturata ed efficace”. È quanto ha sostenuto a Staranzano l’assessore alle Risorse agroalimentari del Friuli Venezia Giulia, Stefano Zannier, intervenendo alla tavola rotonda “Gastronomia, turismo e cultura, un connubio vincente”. “L’obiettivo è quello di annullare le divisioni, in verità minime e superabili, per abbracciare le grandi opportunità che potranno essere garantite da una forte coesione tra gli attori della produzione”. Zannier, ribadendo le linee operative individuate dalla Giunta Fedriga in funzione di una promozione complessiva dell’intera regione che vedrà l’agroalimentare al centro del progetto, si è soffermato sulla doppia valenza di far conoscere i prodotti più caratterizzanti direttamente sul territorio e di un’economia di sistema che, attraverso un’azione di preventiva scelta delle eccellenze più adatte, è in grado di farle uscire dalla regione con la forza necessaria per essere viste ed apprezzate. A questo proposito, secondo l’assessore, “il cluster agroalimentare è un perfetto soggetto aggregatore in quanto istituzionale ed esterno rispetto al complesso e variegato mondo agricolo”. “Servono unità e condivisione tra i produttori”, ha commentato ancora Zannier, ricordando che tra pochi mesi potranno ritenersi concluse le operazioni di emergenza e, nel frattempo, va programmato un futuro “che non può essere solo il Psr ma una politica agricola di indirizzo e azione”.

L’assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier,
sabato scorso al convegno di Staranzano.



Abolito lo “spesometro” per i piccoli agricoltori

«Si è superato un aggravio burocratico che Confagricoltura ha sempre avversato perché contrasta con il regime speciale Iva che esonera i piccoli produttori dagli obblighi documentali e contabili», ha detto il presidente di Confagricoltura Fvg, Claudio Cressati, in relazione alla soppressione dello “spesometro” per i piccoli produttori agricoli, prevista dal Dl 87/2018 (il cosiddetto “Decreto Dignità”), convertito definitivamente in legge dal Senato. Destinatari della norma abrogata sullo “spesometro” – spiega Confagri – sono i produttori agricoli con un volume d’affari non superiore a 7 mila euro, che ora hanno l’esonero totale dalla comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate per le operazioni rilevanti ai fini Iva. «Questa sullo “spesometro” – conclude il presidente Cressati – è una battaglia vinta nella guerra a tutto campo contro la burocrazia opprimente e inutile che stiamo portando avanti, da sempre, con molta fermezza».

“Fiera dei Thest a Polcenigo seconda solo a Sagra dei Osei”

“Gli antichi saperi rappresentano un patrimonio culturale immateriale e conservano ancora oggi le loro essenzialità ma, per essere tramandati alle future generazioni, devono essere praticati pur in presenza del sempre crescente supporto della tecnologia”. È quanto ha affermato a Polcenigo, nell’ambito della 345ma “Fiera dei Thest” – cioè l’antica mostra-mercato dei cesti – l’assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia, Tiziana Gibelli, a margine della presentazione di una pubblicazione sulla cesteria a cura del Comune e dell’ecomuseo Lis Aganis, evento a cui hanno preso parte, tra gli altri, anche il sindaco Mario della Toffola e il senatore Franco Dal Mas. Gibelli ha rimarcato l’importanza delle collaborazioni con più soggetti, come avvenuto in questa occasione con Lis Aganis, anche per eventi che caratterizzano uno specifico Comune come la “Fiera dei Thest” di Polcenigo che, ha evidenziato, in regione tra le antiche fiere è seconda solo alla “Sagra dei Osei” per storicità certificata.

La visita dell’assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, alla “Fiera dei Thest”  a Polcenigo.

La cultura nel servizio civile di 50 giovani con le Pro loco

Le Pro loco del Friuli Venezia Giulia cercano 50 giovani per un anno di servizio civile da dedicare al progetto “Il Patrimonio culturale materiale e immateriale del Friuli Venezia Giulia in immagini, suoni e parole online&offline” che punta principalmente a salvare, digitalizzandola, la tradizione orale delle leggende e delle storie che ruotano attorno a determinati eventi o luoghi, dalla letteratura alla poesia, dalla musica alle forme artistiche più varie. Il tutto anche in un’ottica di promozione turistica del territorio regionale.
Inseriti in 32 sedi tra singole Pro loco e Consorzi delle province di Udine, Pordenone e Gorizia, i selezionati saranno anche seguiti in un percorso formativo utile per il proprio curriculum professionale o scolastico. “I nostri progetti di servizio civile – ha spiegato Valter Pezzarini, presidente del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale tra le Pro loco d’Italia – in questi anni si sono classificati tra i primi a livello nazionale fra tutti quelli presentati dai Comitati regionali Unpli. Si tratta di percorsi di valorizzazione storico-culturale dell’area regionale e di recupero della memoria storica, nei quali seguiamo costantemente i giovani con azioni di formazione continua. Con questa azione proseguiamo la nostra tradizione nel servizio civile, che dal 2003 ci ha visto dare un’opportunità a oltre 400 giovani: molti di loro sono poi rimasti come volontari nelle Pro loco per le quali hanno operato, portando nuova linfa al nostro mondo”.
Al progetto possono fare domanda entro il 28 settembre prossimo, alle 18, giovani, tra i 18 e i 28 anni di età, che non abbiano già svolto il servizio civile e che non abbiano rapporti di lavoro con il sodalizio per il quale opereranno: ai 50 selezionati sarà riconosciuto un assegno mensile di 433,80 euro (tutte le informazioni al riguardo su www.prolocoregionefvg.it).
Ecco le sedi e i numeri di posti del nuovo bando:

Aquileia (2 posti),

Avasinis Trasaghis – Pro loco Amici Di Avasinis (1),

Aviano (2),

Barcis – Consorzio Pro loco Dolomiti Friulane e Magredi (1),

Buttrio – Pro loco Buri (1),

Camino al Tagliamento – Pro loco Il Var (1),

Casarsa della Delizia (3),

Codroipo – Comitato regionale del Fvg Unpli (4),

Colloredo di Monte Albano – Consorzio Pro loco Collinare (1),

Cormòns – Pro loco Castrum Carmonis (2),

Cimolais (1),    Fogliano Redipuglia (3),

Gemona – Pro loco Glemona (1),

Gemona – Consorzio Pro loco Friuli Nord Est (1),

Latisana (2),    Manzano (1),

Moggio Udinese – Pro loco Moggese (2),     Monfalcone (1),

Mortegliano – Pro loco Comunità di Mortegliano Lavariano e Chiasiellis (1),

Mortegliano – Consorzio Pro loco Sericus (1),     Porcia (1),

Pordenone (1),    Pozzuolo (1),    Sacile (3),    San Daniele (2),

San Giorgio di Resia – Pro loco Val Resia (1),

San Pietro al Natisone – Pro loco Nediške Doline – Valli del Natisone (2),

San Vito al Tagliamento (1),    Spilimbergo (2),

Sutrio (1),    Tramonti di Sopra (2),    Venzone (1).

Nel frattempo, stanno svolgendo i loro restanti mesi di Servizio i volontari del progetto “Patrimonio Enogastronomico Regionale in un percorso tra storia, tradizione e nuovi stili alimentari”. L’attività di formazione per loro si è conclusa con la visita alla sede della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia a Palmanova e alle aziende produttrici di eccellenze enogastronomiche locali a Codroipo, dopo che nei mesi precedenti avevano svolto diverse ore formative nella sede del Comitato a Villa Manin e in uno speciale weekend dedicato a Venzone.

I giovani ancora impegnati nel servizio civile in una foto ricordo scattata a Villa Manin,
sede del Comitato regionale Pro loco.

—^—

In copertina, da Lignano parte il Wine sea bus per scoprire la vendemmia a Castions di Strada e a Palazzolo dello Stella.

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento