di Gi Elle

Se c’è una tradizione che nel Rojale si è consolidata e che suscita motivo d’interesse non solo all’interno del Comune di Reana, formato da numerose frazioni, ma anche in Friuli, è senza dubbio quella natalizia dei presepi. Racconti della Natività di Nostro Signore che in queste terre bagnate dalle rogge vengono interpretati in modo del tutto originale, attraverso un prodotto umile, di scarto diremmo, della campagna, vale a dire i cartocci (le brattee) del granoturco. Gli “scus”, insomma, la cui fama ha superato i confini reanesi facendosi apprezzare un po’ ovunque, anche all’estero.

.

Protagoniste quest’anno del Giro Presepi del Friuli Venezia Giulia sono Rizzolo e Remugnano. Nella prima frazione, al Tempietto dei Caduti, l’inaugurazione ufficiale avverrà proprio oggi, nell’imminenza del Natale, alle 17. La rievocazione della venuta al mondo di Gesù, realizzata dalla Parrocchia dei Santi Ilario e Taziano, avviene in un  originale allestimento che ripropone un tipico ambiente friulano con le borgate del Rojale degli inizi del ‘900, riprodotte in sasso, pietra e mattoni, con le montagne sullo sfondo e inserite in un paesaggio rurale che ci riporta con la mente al lento scorrere della vita al tempo dei nostri avi. Il presepe sarà visitabile da domani al 19 gennaio, dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 20, il sabato, la domenica e i giorni festivi dalle 9 alle 20. Per informazioni rivolgersi a Federico Bertoni telefono 3392167816 – bertoni.federico@libero.it

.

Ma ecco  i presepi fatti proprio con gli “scus”. A Remugnano, nella Vetrina del Rojale – lo spazio espositivo che si trova di fronte al palazzo municipale e che si distingue per l’allestimento di belle mostre d’arte – a cura della Pro Loco, che ha la sua “anima” nella presidente Paola Miconi e nella segretaria Renata Barborini, c’è da qualche settimana una bellissima mostra che propone una piccola e preziosa esposizione di presepi creati con diverse tecniche e materiali, tra i quali predominano, appunto, quelli con gli “scus” caratterizzanti l’antica tradizione dell’artigianato locale che, attraverso la Cooperativa dei Cartocciai friulani, ha visto il suo massimo sviluppo fino agli anni Ottanta del secolo scorso. In vetrina anche due icone molto espressive sulla Natività di Susanna Carlevaris. L’esposizione, che finora ha suscitato notevole interesse, sarà visitabile fino al 6 gennaio, giorno dell’Epifania, martedì e giovedì dalle 10 alle 12, venerdì e sabato dalle 15 alle 18; domenica e festivi su appuntamento previa prenotazione telefonica. Per informazioni contattare la ricordata Paola Miconi al numero 3494244611 oppure scrivere all’indirizzo mail: info@prolocodelrojale.it, prolocodelrojale@gmail.com

—^—

In copertina e all’interno alcuni presepi in “scus” e due icone di Susanna Carlevaris.

Hits: 306

, , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento