Mancano poco meno di due mesi a “Pordenonelegge 2020”, in programma dal 16 al 20 settembre: una conferma che è già una conquista, nell’anno del Coronavirus. La 21ª edizione della Festa del Libro con gli Autori tornerà nel cuore della città che ha visto nascere la manifestazione e diventare uno degli appuntamenti culturali di riferimento del Paese. Perché la cultura, lo scambio di informazioni e le storie sono gli strumenti che l’uomo ha sempre avuto per lenire le paure e coltivare la speranza. Ritrovarsi, anche in presenza, sarà un appassionante impegno per tutti: per Fondazione Pordenonelegge, per le case editrici, uscite da un periodo delicatissimo, e per gli stessi protagonisti del festival, che scommetteranno su un evento coraggiosamente proiettato verso la “normalizzazione”, ma ancora vulnerabile e delicato. Ma impegno e passione sono richiesti anche al pubblico, che necessariamente, imparerà a coltivare il “suo” Pordenonelegge con approccio ancora più calibrato e consapevole, perché così richiedono le norme e le condizioni generali di fruizione degli eventi, tanto più nelle sedi indoor. Un festival che rispetterà le distanze, ma che le sfrutterà per portare ovunque i suoi contenuti di cultura, bellezza e speranza, attraverso una formula rinnovata che affiancherà quella classica degli incontri dal vivo. Se le location del festival saranno limitate, se la collocazione dei posti a sedere rispetterà le distanze di sicurezza, illimitato sarà invece il pubblico dei teatri virtuali del web che permetteranno la massima inclusività. Una festa, insomma, in tutti i sensi, come nella migliore tradizione di Pordenonelegge.
Rinnovare il festival, riorganizzarlo secondo queste premesse, è un impegno che Fondazione Pordenonelegge affronta – d’intesa con le istituzioni di riferimento per la pubblica sicurezza – per garantire a tutti la celebrazione ottimale della 21ª edizione. Un impegno di cui non si può nascondere la gravosità sul piano economico, logistico, organizzativo. Per questo la tradizionale campagna di crowdfunding “Amici di pordenonelegge” riparte, in questa fase, con un valore aggiunto che la rende unica e speciale, nel 2020 del Covid-19: chi aderirà potrà confermarsi prezioso supporter di un evento caratterizzante per la città e il territorio e sarà certo di poterci essere, in presenza, a tu per tu con gli autori. Fondazione Pordenonelegge chiama infatti a raccolta il pubblico della Festa del Libro da oggi al 26 luglio. Anche quest’anno gli “Amici” sceglieranno al buio, prima della presentazione del programma, e a manifestare il loro supporto acquistando codici di accesso agli incontri che si trasformeranno, dal 16 al 20 settembre, nel corso di Pordenonelegge 2020, in emozioni e momenti da condividere con amici e persone care: sapendo di poter trovare sicuramente posto in sala, elemento determinante nel contesto della campagna di crowdfunding 2020. A differenza dalle precedenti edizioni, infatti, quest’anno la prenotazione sarà necessaria per tutti gli spettatori di Pordenonelegge. In un festival che avrà quest’anno capienza contingentata, ovvero una ricettività in presenza più bassa per numero di incontri e per il regolare distanziamento fra una seduta e l’altra, dal 7 settembre in poi, la libera prenotazione sostituirà il libero accesso delle precedenti edizioni.
La campagna “Amici di Pordenonelegge” nella fase di luglio, da oggi a domenica 26, si svolgerà unicamente online, ma il personale di fondazione Pordenonelegge resterà a disposizione – telefono 0434.1573100 – in orario d’ufficio (lunedì – giovedì 9-13 e 15-17, venerdì solo 9-13) per ogni informazione e per guidare il pubblico. Via e-mail gli uffici potranno essere contattati tramite amici@pordenonelegge.it
Il numero dei codici a disposizione da oggi al 26 luglio sarà contingentato e quindi passibile di rapido esaurimento. Possono essere acquistati 4 codici al costo di 25 euro, 7 codici per 35 e 12 codici per 55. In caso di annullamento degli appuntamenti prenotati per cause non direttamente imputabili alla Fondazione Pordenonelegge, la somma versata sarà considerata quale contributo destinato al festival in base alla natura di crowdfunding della campagna, e non sarà restituita. I codici acquistati a luglio si trasformeranno in altrettante prenotazioni per gli eventi di pordenonelegge 2020 nella settimana del 24/30 agosto, con possibilità di esercitare il diritto di prelazione: la stessa opportunità sarà in essere per gli “Amici” dello scorso dicembre. I codici resteranno validi ad uso prenotazione, ma senza prelazione, anche per la settimana successiva, dal primo al 6 settembre, data ultima e tassativa: in questa settimana si aprirà infatti la terza fase della campagna “Amici di pordenonelegge” 2020. Non sarà consentito di seguire gli incontri all’esterno delle strutture, proprio per evitare qualsiasi forma di assembramento.

Il fumetto nell’editoria

Promuovere il fumetto nell’editoria e l’editoria del fumetto, attraverso un’attività congiunta di valorizzazione delle reciproche attività culturali è l’obiettivo del Protocollo d’intesa sottoscritto fra Fondazione Pordenonelegge e l’Associazione Vastagamma, ente gestore del PAFF! Palazzo Arti Fumetto Friuli, che trova sede a Pordenone negli spazi di Villa Galvani e Galleria Pizzinato. Un accordo siglato dai rispettivi presidenti, Giovanni Pavan e Giulio De Vita, alla presenza dei vertici culturali e amministrativi delle due realtà: “la collaborazione avviata per gli anni 2020 e 2021 – recita il Protocollo – prevede l’impegno a collaborare per la promozione in comune e/o reciproca delle iniziative che avranno come oggetto comune da un lato il fumetto (Vastagamma/PAFF) e dall’altro l’editoria (Pordenonelegge)”. Le due istituzioni si impegneranno dunque a scambiare informazioni in merito alle rispettive iniziative e incontri legate alla presentazione di libri dedicati al fumetto, a concordare eventi e percorsi comuni da promuovere congiuntamente e a darne diffusione in sinergia. Prima tappa di realizzazione della collaborazione prospettata dal Protocollo sarà Pordenonelegge 2020, la Festa del Libro con gli Autori in programma dal 16 al 20 settembre: in vista di questo traguardo sono già in essere contatti e verifiche per un percorso progettuale comune.

La scrittrice polacca

Va alla scrittrice polacca Olga Tokarczuk, Premio Nobel 2018 per la Letteratura, il Premio Crédit Agricole FriulAdria La storia in un romanzo 2020, riconoscimento nato dalla collaborazione fra Pordenonelegge Festa del Libro con gli Autori e il Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta, su impulso di Crédit Agricole FriulAdria. L’assegnazione ad Olga Tokarczuk vuole premiare – spiegano le motivazioni – «i suoi romanzi fuori dalle regole, brillanti e sorprendenti, capaci di raccogliere il richiamo al nomadismo che fa parte delle nostre esistenze, ci rende vivi e ci trasforma. La sua prosa, in grado di affrontare temi come la follia, il femminismo, l’ingiustizia verso gli emarginati e i diritti degli animali, ci insegna, con andamento a volte guizzante a volte più lento, che “il cambiamento è sempre più nobile della stabilità”, e che dobbiamo guardare il mondo con un punto di vista eccentrico, se non vogliamo essere anime in ritardo, o smarrite». Olga Tokarczuk riceverà il Premio Crédit Agricole FriulAdria La storia in un romanzo sabato 19 settembre (ore 18, Pordenone – Teatro Verdi). Seguirà l’incontro dell’autrice con il pubblico di Pordenonelegge: un appuntamento incentrato sui legami fra il romanzo e la storia.
«Dopo Svetlana Aleksievič siamo orgogliosi di premiare a Pordenone la scrittrice polacca Olga Tokarczuk, un altro Nobel della letteratura internazionale ­– ha detto Chiara Mio, presidente di Crédit Agricole FriulAdria –. Anche in un momento storico complicato come quello che stiamo vivendo i curatori del Festival hanno vinto la sfida della qualità tenendo un livello altissimo. Dal nostro punto di vista, questo riconoscimento, nato nel 2008, rappresenta il simbolo del profondo legame della Banca con il suo territorio. Riteniamo che una seria riflessione culturale sia la premessa necessaria per progettare un futuro sostenibile».
Giunto alla 13ª edizione, il Premio Crédit Agricole FriulAdria La storia in un romanzo è stato assegnato, dal 2008 ad oggi, ad un prestigiosissimo elenco di autori: nell’ordine Arturo Peréz-Reverte, Abraham Yehoshua, Art Spiegelman, Alessandro Baricco, Ian McEwan, Martin Amis, Umberto Eco, Emmanuel Carrère, Javier Cercas, Wole Soyinka, Robert Harris e nel 2019 Svetlana Aleksievič.
Olga Tokarczuk, Premio Nobel per la Letteratura nel 2018, è nata nel 1962 e ha studiato psicologia a Varsavia. È scrittrice e poetessa tra le più acclamate della Polonia e la sua opera è stata tradotta in trenta paesi. Il Premio Nobel le è stato conferito “per la sua immaginazione narrativa che con passione enciclopedica rappresenta l’attraversamento dei confini come forma di vita”. Il romanzo I vagabondi le è valso il Man Booker International Prize 2018 ed è stato finalista al National Book Award. È stata di nuovo finalista al Man Booker International Prize nel 2019 con Guida il tuo carro sulle ossa dei morti, uscito in Polonia nel 2009. I suoi libri sono pubblicati in Italia da Bompiani.

Poeti di vent’anni

Pordenonelegge ha scelto i “Poeti di vent’anni”, dieci finalisti che si contenderanno l’edizione 2020 di un contest poetico nato per valorizzare le giovani voci della poesia italiana: indagando i modi, gli stimoli, la creatività con cui si rinnova la poesia del nostro tempo. Ecco dunque gli autori in gara alla 2ª edizione de “I poeti di vent’anni. Premio Pordenonelegge Poesia”: sono Valeria Cagnazzo con Inondazioni (CartaCanta, 2019), Riccardo Canaletti con Sponde (Arcipelago Itaca, 2019), Giorgiomaria Cornelio con La promessa focaia (Cierre Grafica – Anterem Edizioni, 2019), Jacopo Curi con L’immagine accanto (Arcipelago Edizioni, 2019), Lorenzo Fava con Lei siete voi (LietoColle, 2019), Gabriele Galloni con L’estate del mondo (Marco Saya Edizioni, 2019), Demetrio Marra con Riproduzioni in scala (Interno Poesia, 2019), Tommaso Russi con Qualche parola tra padri e figli (Eretica Edizioni, 2019), Francesca Santucci con La casa e fuori (LietoColle-Pordenonelegge, 2019) e Antonio Scialpi con Carne incognita (Edizioni Ensemble, 2019). Dieci autori di un libro edito nel corso del 2019, tutti nati fra il primo gennaio 1990 e il 31 dicembre 1999: «portavoce della poesia italiana più giovane, ma non per questo più acerba. sottolinea Roberto Cescon, coordinatore della Giuria di cui fanno parte anche Azzurra D’Agostino, Tommaso Di Dio, Massimo Gezzi e Franca Mancinelli – I loro esordi sono ambiziosi, voci attraversate da incrinature, sussulti e moti levigati. I loro versi denotano interesse per la natura “sovrastante”, elemento di non poca attualità. Ma anche una ricerca verso nuove forme stilistiche, l’attenzione al quotidiano dei luoghi e degli spazi, la capacità di ripercorrersi e indagarsi con spiazzante ironia o addentrandosi nel “mostruoso”». Prossimo step nel cuore dell’estate: entro il 31 luglio sarà annunciata la terna finalista e nel corso di pordenonelegge 2020 (16/20 settembre) è prevista la proclamazione del vincitore. Il Premio, giunto alla 2ª edizione, è promosso da Fondazione Pordenonelegge in collaborazione con Camera di Commercio di Pordenone – Udine, Crédit Agricole FriulAdria, Teatro Comunale Giuseppe Verdi Pordenone e Best Western Plus Park Hotel Pordenone.
E sempre nel segno della creatività poetica si è aperta con grande partecipazione anche la prima edizione del nuovo progetto “Esordi”, uno sguardo in divenire sulla lingua del nostro tempo: un radar che indaga sul contemporaneo ed offre a tre autori di esordire in un contesto rilevante come pordenonelegge. “Esordi” selezionerà infatti tre raccolte di autori mai pubblicati (scritte in lingua italiana o in uno dei dialetti o lingue minoritarie con traduzione in italiano), attraverso la scelta di un comitato di lettura composto dai poeti Roberto Cescon, Azzurra D’Agostino, Tommaso Di Dio, Massimo Gezzi, Franca Mancinelli. Sono 33 gli autori che hanno inviato la loro silloge, la proclamazione delle 3 raccolte selezionate nel corso dell’estate 2020. L’e-book “Esordi” sarà presentato nell’ambito di pordenonelegge 2020, alla presenza dei tre autori selezionati.

Info e dettagli sul sito pordenonelegge.it
Fondazione Pordenonelegge telefono 0434.1573100

—^—

In copertina, ecco due giovani Amici di Pordenonelegge 2020.

Hits: 321

, , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento