Che successo l’altra sera per l’evento inaugurale dell’Arlecchino Errante 2019, ovvero la consueta Intervista al sindaco di Pordenone. Alessandro Ciriani, nell’ex chiesa del convento di San Francesco, ha risposto con prontezza e “genio”, rifacendosi al tema del festival, alle domande dei cittadini raccolte e poste dal Notaio Ventrebasso, personaggio della post-Commedia dell’Arte pordenonese inventato da Giuseppe Spelladi nel 1754 e magnificamente interpretato da Daniele Rampogna. Con lui le agili maschere della Scuola sperimentale dell’Attore, i brillanti musicisti dell’Iz band e i fantastici acrobati Andrea Brunetto (ruota), Valentina Bomben (cerchio aereo) e Sandro Sassi (cerchi) che hanno omaggiato con la loro performance L’Uomo vitruviano di Leonardo da Vinci. Infine brindisi inaugurale nel chiostro del convento.
Ricordiamo che “Genio e Regolatezza” è il tema della XXIII edizione de L’Arlecchino Errante, il festival che dedica la Commedia dell’Arte al Teatro Contemporaneo. Fino al 28 settembre in programma 36 spettacoli per tutte le età a Pordenone e non solo, visto che sono previste tappe in varie località del Friuli Venezia Giulia, con una formula che proporrà molti spettacoli di respiro internazionale.

Acrobati e musicisti in scena.

E ora spazio ai prossimi spettacoli. Il primo grande ospite dell’inizio del festival è il già annunciato artista francese di caratura internazionale Vincent de Lavenère: un pioniere della giocoleria musicale, a cui si dedica da più di vent’anni, come performer – con tournée costanti in Francia, Europa, Medio Oriente, Cina, Indonesia, Indocina – come pedagogo e infine pure come artigiano, costruendo egli stesso gli strumenti di scena, dalle citare medioevali alle palline acusticamente accordate di sua invenzione. Una giocoleria che si ascolta e che diventa teatro, capace di suscitare immagini che trovano eco in ciascuno di noi.
Questa sera prima nazionale del suo spettacolo “Jonglerie Champêtre” (Giocoleria campestre), alle 21, ancora nell’ex convento di San Francesco.  Senza supporti elettronici né digitali, il pubblico vedrà una musica che si crea davanti ai suoi occhi attraverso la gestualità della giocoleria. Danzando sul filo di una voce accompagnata da una citara medioevale, da oggetti improbabili e da una moltitudine di sfere sonore, Vincent de Lavenère, con un virtuosismo davvero sorprendente, spingerà tutti nel suo universo originale, con ritmi accattivanti, poetici e fantasiosi. L’artista proporrà un concetto innovativo di giocoleria, dove un fuoco d’artificio di voci, canti di uccelli, e suoni di natura danno vita a una danza aerea abilmente orchestrata: una ballata poetica pura, per incantare i nostri sensi e i nostri sogni.

Domani, poi (dalle 10 alle 13), e successivamente lunedì 9 settembre (dalle 14.30 alle 17.30) terrà nello stesso ex convento una lezione masterclass “Vedere una musica oppure ascoltare una giocoleria?”.
Sempre domani, per la sezione del festival Sguardo Leonardo, dedicato ai 500 anni dalla morte del genio di Vinci, alle 21 nell’ex convento di San Francesco terrà la conferenza spettacolo, parlata e “giocata”, Dai trovatori alla giocoleria musicale contemporanea. Instabile è l’equilibrio tra arte e scienza; è l’arte che si mette al servizio della scienza o viceversa? Tutto inizia con un suono ritmico e melodico che prende vita nelle mani di un giocoliere per fiorire poi in un’orchestra. In questa conferenza vedremo e sentiremo insieme il percorso e la storia, non sempre facile e lineare, di questa straordinaria tecnica, e soprattutto le sue possibili estensioni nel territorio della ricerca sperimentale scientifica ed artistica.
Gli spettacoli di giocoleria di Vincent sono “scritti” come una partitura musicale, appoggiandosi sulla conoscenza della musica di tutto il mondo e sull’esperienza di aver “suonato” in duo con i più grandi nomi della musica classica e jazz d’oltralpe. Finché arrivò la creazione delle sfere acustiche musicali accordate, messe in scena in singolo o in orchestra, in spettacoli di rara bellezza. Per questo Vincent de Lavenère si definisce il primo “giocoliere-cantante-autore”, e di certo è anche un po’ scienziato, un po’ filosofo, un po’ santo profano, come il giullare di Notre-Dame.

Vincent de Lavenère

L’Arlecchino Errante è organizzato dalla Scuola Sperimentale dell’Attore di Pordenone con il patrocinio del Comune di Pordenone, il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, PromoTurismo FVG, Fondazione Friuli, Confartigianato Imprese Pordenone, e patrocinio di Pordenone with Love. C’è anche una collaborazione fattiva dei Comuni toccati dalla rassegna: Pasiano di Pordenone, San Daniele del Friuli, Ragogna, Pravisdomini, Montereale Valcellina nonché, come sempre, di altri enti, associazioni ed imprese.

—^—

In copertina, il Notaio Ventrebasso legge le domande rivolte al sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani.

 

Hits: 46

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento