di Lant Ator

Pronti, via: si parte! Prenderà il via domenica prossima, a Trieste, l’edizione 2019 dell’E-bike tour Fvg, il raduno cicloturistico per biciclette a pedalata assistita che in regione sta riscuotendo sempre maggiore successo. Il turismo slow è infatti in crescita e la varietà di biciclette presenti (mountain bike, da corsa, e-bike), scelte a seconda delle motivazioni del viaggio, permette di coinvolgere una più ampia platea di turisti.
Per questa terza edizione le tappe salgono ad 8 e coinvolgeranno diverse località del Friuli Venezia Giulia. Si partirà, come detto, dal capoluogo regionale il 28 aprile per concludere il 31 agosto e il 1° settembre sul monte Matajur, passando per Cividale il 12 maggio, Caneva il 14 luglio, Tolmezzo il 21 e Ovaro il 28, Piancavallo il 4 agosto e Grado il 17 e il 18 dello stesso mese.

Cicloturisti sulla Alpe Adria uscendo…

Ad illustrare la manifestazione sono intervenuti a Udine l’assessore regionale al Turismo Sergio Bini, il direttore generale di Promoturismo Fvg Lucio Gomiero, il promotore e coordinatore dell’iniziativa Enzo Cainero, oltre ai rappresentanti delle associazioni coinvolte nell’organizzazione.
Per l’amministrazione regionale, l’e-bike è un tema importante ed è coerente con il sistema territoriale e turistico regionale tanto da essere inserito nel piano strategico di Promoturismo Fvg.  Dicevamo che il turismo slow è in crescita e che la varietà di biciclette presenti (mountain bike, da corsa, e-bike), scelte a seconda delle motivazioni del viaggio, permette di coinvolgere una più ampia platea di turisti; per intercettarli la Regione, con PromoTurismo Fvg, sta lavorando su un’attenta segmentazione che tenga conto dei desiderata di questa tipologia turistica e della preparazione atletica.
L’obiettivo della Regione – come informa una nota Arc – è quello di far diventare il Friuli Venezia Giulia ancora più bike friendly ed in quest’ottica proseguirà ad investire sul turismo lento, potenziando i servizi e collegando maggiormente le dieci ciclovie presenti in regione. Si tratta di un sistema di ciclabili sufficiente a percorrere il territorio, com’è stato spiegato, ma non è ancora integralmente collegato; su questo aspetto la Regione si impegna a lavorare, così come si attiverà per dotare le ciclovie di una migliore e più completa tabellazione.

… da Grado e arrivando nell’isola.

Per questi elementi, in particolare, l’amministrazione regionale ritiene rilevante la collaborazione con il Nucleo mobilità ciclabile costituito all’interno di Fvg Strade spa e dedicato alla manutenzione ordinaria e straordinaria della rete di piste ciclabili e di gestione, progettazione e realizzazione della viabilità ciclabile d’interesse regionale. Con questa unità si stanno individuando le priorità e le opere necessarie a dare continuità ai tracciati.
Quest’iniziativa, secondo la Regione Fvg, permette di valorizzare le località inserite nel tour e contribuisce alla promozione dell’intero Friuli Venezia Giulia grazie anche ad un lavoro di squadra, ad un dialogo continuo con tutte le associazioni coinvolte e ad un’unità di intenti.

In mountain bike sullo Zoncolan.

—^—

In copertina, cicloturisti sulle montagne del Friuli Venezia Giulia.

Hits: 79

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento