Finale con il botto per i Faber&Gaber Days 2020, domani lunedì, al Teatro Palamostre di Udine con l’inedito progetto “Chiedo scusa se parlo di… Gaber”, famose canzoni di Giorgio Gaber e nuovi testi di Sandro Luperini. L’organizzazione è a cura del Folk Club Buttrio guidato da Marco Miconi.
Ricompostasi dopo 16 anni la storica Banda Gaber, ai compagni degli ultimi dieci anni di TeatroCanzone, Luigi Campoccia al pianoforte, Luca Ravagni al sax e sintetizzatori, Gianni Martini alla chitarra, Claudio Demattei al basso, Dado Sezzi alla batteria e percussioni, si affianca ora Simone Baldini Tosi, cantante e attore sensibile e di grande personalità, scelto per prestare la propria voce alle canzoni che hanno fatto di Giorgio Gaber quel mito e quel riferimento musicale che tutti ricordano.

Sandro Luporini oggi.


In questo nuovo progetto non poteva mancare l’apporto di Sandro Luporini, pittore, scrittore, compagno artistico e amico di Giorgio Gaber. Luporini ha scritto i testi per questo nuovo spettacolo, attualizzando le celebri tematiche dei monologhi del Signor G. ed ha scelto nello sconfinato repertorio gaberiano le “quindici canzoni più belle e significative”.
Il progetto è stato fatto proprio dalla Fondazione Giorgio Gaber che ne ha condiviso obiettivi e contenuti e che registrerà i vari concerti. Lo spettacolo ha appena debuttato al Teatro Parco della Musica di Roma il 30 gennaio scorso e Udine ospiterà il secondo appuntamento con gli inediti monologhi. Un vero e proprio evento, patrocinato dalla Fondazione Giorgio Gaber e dal Comune di Udine, che ben si presta all’atmosfera del finale di Carnevale in città, come una maschera di Pierrot in musica, bianco e nero, allegria e serietà, Carnevale e Quaresima, le due facce del Signor G.

Prevendite all’Angolo della Musica di Udine e Foto Flash di Tricesimo. Informazioni al 3488138003 o info@folkclubbuttrio.it.

—^—

In copertina, una foto storica di Giorgio Gaber con Sandro Luporini.

Hits: 103

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento