di Gi Elle

E’ innegabile che ci sia in atto un cambiamento, peraltro anche repentino, del clima, tanto che i fenomeni estremi (tornadi e violentissimi nubifragi con acqua alta, frequenti allagamenti e gravi erosioni di spiagge e arenili), dovuti alla “tropicalizzazione” anche delle nostre latitudini, putroppo sono sempre più frequenti. Per cui ai cambiamenti climatici vanno coniugate, senza ulteriori perdite di tempo o rinvii, azioni per la sostenibilità, rendendo compatibile la nostra esistenza proprio con quella dell’ambiente, bene prezioso ed irrinunciabile. Ed è quanto si sta facendo, lodevolmente, anche a Grado che ora presenta il suo Bilancio Energetico Comunale.
Ridurre le emissioni di CO2 – cioè anidride carbonica, prodotta dai mezzi di trasporto, dalle attività produttive, dagli impianti di riscaldamento e così via – del 40 per cento entro il 2030 sul territorio comunale è l’ambizioso obiettivo che l’amministrazione civica gradese, guidata dal sindaco Dario Raugna, intende raggiungere con la realizzazione di un “Piano per l’Energia Sostenibile ed il Clima” (Paesc), in collaborazione con Legambiente Friuli Venezia Giulia.

La spiaggia di Grado ha subito più volte gravi fenomeni di erosione.

Un percorso indubbiamente impegnativo, come spiega anche l’assessore all’Ambiente Claudio Gaddi, che coinvolge tutti, istituzioni, imprenditori e cittadini, e che verrà illustrato ai al pubblico domani, martedì 15 ottobre, alle ore 18, nella sala del Consiglio del Municipio, in piazza Biagio Marin. Nell’occasione, in particolare, verrà presentato proprio il “Bilancio Energetico Comunale”, punto di partenza per conoscere la situazione attuale dal punto di vista del fabbisogno di energia del territorio isolano, atto propedeutico per procedere alle tappe successive.
I tecnici di Legambiente, Cristiano Gillardi e Stefano Del Bianco, illustreranno i contenuti fondamentali dello studio, analizzando i rapporti tra i cambiamenti climatici e le azioni mirate ad una maggiore sostenibilità e resilienza del territorio – e quindi la sua capacità di adattarsi al cambiamento, assorbendone gli effetti senza traumi – e spiegando le caratteristiche del Paesc. All’incontro sarà presente anche il presidente di Legambiente Fvg, Sandro Cargnelutti.

Il successivo obiettivo riguarda invece la rapida adesione al “Patto dei Sindaci” da parte del Comune di Grado, in modo da consentire la programmazione di iniziative idonee a collocare l’Isola all’avanguardia nella lotta ai cambiamenti climatici in atto. Un obiettivo che, come abbiamo detto, è ormai irrinunciabile.

—^—

In copertina, il Lungomare di Grado.

Hits: 87

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento