Hits: 166

(g.l.) Grado, “paradiso” della bicicletta, ha cominciato a vestirsi di rosa in attesa di quel grande evento che è il 104° Giro d’Italia. E “Isola della ciclabilità” è una definizione che a Grado calza a pennello, soprattutto in occasione della presenza della “carovana” sulle due ruote che, domenica 23 maggio, gratificherà la località balneare del Friuli Venezia Giulia, con una tappa molto importante che, partendo proprio dal centro storico di Grado, raggiungerà dopo un percorso di 147 chilometri Gorizia, il capoluogo provinciale.

Il Giro partirà dal centro storico.

Grazie ai suoi 40 chilometri di piste ciclabili interne, da quattro edizioni consecutive (un primato regionale) l’Isola è contrassegnata dai 5 bike-smile della Bandiera Gialla di Fiab (il massimo riconoscimento per i Comuni Ciclabili della Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta). Ma, oltre a questo, Grado si tingerà di rosa con molte iniziative collaterali, in attesa degli atleti, per festeggiare questo evento e la mobilità sostenibile. E del colore del Giro si è “vestita” anche la grande fontana che dà il benvenuto ai turisti che arrivano da Aquileia attraverso la translagunare. Infatti, quello che a Natale era il suggestivo “presepio” di luce, ora si è trasformato in un simbolo inequivocabile del Giro d’Italia.
«Nella stessa settimana abbiamo ottenuto due prestigiosi riconoscimenti – Bandiera Blu e 5 bike-smile di Fiab – sottolinea il sindaco Dario Raugna, nell’imminenza dell’avvio della nuova stagione turistica che, come è noto, è fissato per domani – che premiano la sostenibilità e la tutela dell’ambiente attraverso anche la mobilità slow e, inoltre, ci apprestiamo a entrare nel vivo del Giro d’Italia che farà tappa a Grado domenica 23 maggio. L’Isola si sta preparando a questo importante appuntamento, che ci permette di dare ulteriore lustro alla nostra cittadina in un momento storico particolarmente difficile, in cui è fondamentale ripartire con il colpo giusto di pedale verso la normalità e il Giro d’Italia, che nella sua lunga storia ultracentenaria ha saputo attraversare indenne due guerre mondiali, è quanto di più significativo possa esistere a dimostrazione della forza e della tenacia che caratterizzano la nostra gente, che ancora una volta sarà capace di rialzarsi e di procedere verso il futuro. Ringrazio le numerose persone che stanno rendendo tutto questo possibile, in un sodalizio che rappresenta un esempio di collaborazione per il nostro futuro».

Bici nei viali e sulla pista ciclabile.

(Foto Enrico Cester)

Gli appuntamenti

Da oggi al 31 maggio, al cinema Cristallo, sarà visibile un’esposizione di biciclette storiche italiane (curata da Renato Bulfon). La più datata delle 12 esposte è del 1941, la più recente del 1997.

Domani 15 maggio sarà la volta della presentazione del libro di Antonella Stelitano: “Le donne in bicicletta” (Ediciclo). La giornalista autrice, alle ore 18, sulla pagina Facebook del Comune, dialogherà con Mara Mòsole, ex ciclista della Nazionale azzurra di ciclismo.

Da sabato 20 maggio, in collaborazione con il Centro Studi Biagio Marin, i balconi e le finestre delle calli e delle vie di Grado Vecchia, saranno pavesati con vari lenzuoli riportanti alcuni versi scelti del grande poeta gradese, in linea con il tema della Lingua madre, per onorare i 700 anni della morte di Dante Alighieri.

Sabato 22 maggio, con partenza alle ore 9 (da piazza Gregori), si svolgerà una biciclettata amatoriale “Amici della corsa Rosa”, organizzata da Sogit Eventi (per info e iscrizioni: 335.6559397).

Dal punto di vista logistico si ricorda che: la partenza dei corridori è prevista per le ore 13.15 di domenica 23 maggio e, perciò, dalle ore 11 vi sarà la chiusura del transito sulla strada translagunare, ovvero da Aquileia-Belvedere e rotatoria Isola della Schiusa; sarà invece aperto il transito sulla direttrice da e per Monfalcone.

Il suggestivo lungomare sulla diga.

—^—

In copertina, la grande fontana vestita di rosa per il Giro d’Italia in un’immagine colta da Federica Maule.

Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento