Hits: 134

“Guerra e pane” è il nuovo libro di Pietro Angelillo e Sigfrido Cescut, i due giornalisti pordenonesi che da anni scrivono, assieme, di storia contemporanea. Il volume, edito dall’Anpi e dal Circolo della Stampa di Pordenone, sarà presentato per la prima volta domani mattina, alle 11.45, nella sala Interpoint Promoturismo di Piancavallo. L’evento fa parte dell’annuale raduno delle 10.15, davanti al monumento di Pian delle More, su iniziativa di Anpi, Aned, Apo e Movimento federalista europeo, per ricordare il 77° anniversario di costituzione della Brigata partigiana unificata Ippolito Nievo A e il 75° di fondazione della Repubblica italiana.
Il volume sviluppa un concetto di carattere universale: la povertà e i disordini sociali provocati dalle guerre e dalle pandemie, partendo da gravi episodi che si sono verificati in Friuli tra il 1914 il 1924, e prendendo in considerazione soprattutto Pordenone e dintorni, con particolare riferimento alla Pedemontana. Grazie a documenti scritti e fotografici spesso inediti la zona tra Aviano e Spilimbergo costituisce il paradigma di uno stato di cose che trovò eco alla Camera dei deputati.  “Guerra e pane” si avvale delle prefazioni di Fulvio Salimbeni, docente di Storia Contemporanea all’Università di Udine, e di Loris Parpinel, presidente dell’Anpi provinciale pordenonese, e della postfazione del Circolo della Stampa di Pordenone.
Molto intenso nella narrazione e nell’analisi, il libro tende a dimostrare che i mali della guerra sono tremendamente identici: rovine, lutti, fame, lotte per la sopravvivenza. Nel caso specifico, descrive premesse, sviluppi, conseguenze drammatiche del primo conflitto mondiale in una società lacerata da scontri politici e di casta, in una delle zone strategiche e nevralgiche dell’Europa.
Il risultato è una delle storie più tormentate di quel tremendo periodo, nel contesto provinciale, regionale, nazionale, internazionale. La ricerca delle fonti e il loro confronto ci offrono uno spaccato raccapricciante della realtà di ieri e di quella di oggi, relativo all’Italia e ad altre aree globali, con tanti episodi, tante immagini, e un’amara conclusione: dai mali del passato abbiamo imparato poco o niente. Il mondo soffre ovunque la malacultura della sopraffazione costantemente alimentata da conflitti, rivendicazioni, risse, interessi, odio, genocidi. Una tendenza che non si ferma nemmeno di fronte alle pandemie mondiali generatrici anch’esse, come le guerre guerreggiate, di lutti, disparità sociali, povertà.
«Nulla di nuovo, purtroppo – commentano, tra l’altro, gli autori – né allora né oggi. Eppure basterebbe conoscere il passato, per scegliere di diventare migliori». La dimostrazione viene da storie locali terribili, nel contesto provinciale, regionale, nazionale, internazionale, con una ricerca condotta dal 2017 in Archivi di Stato, della Camera dei deputati, di associazioni e privati, dei Comuni di Aviano, Trieste e Pordenone, di giornali dell’epoca e anche attraverso lettere, diari e foto. Il risultato è un triste spaccato della realtà sociale, economica e politica in Italia, dove la collisione di una classe dirigente conservatrice e una massa di diseredati rasentò quasi una guerra civile, con occupazione di fabbriche e campagne, milioni di disoccupati, 150 morti, oltre 400 feriti ed emigrazione diffusa, aprendo le porte allo squadrismo e alla dittatura fascista.

Gli autori

Pietro Angelillo

Giornalista professionista dall’inizio degli anni Sessanta, ha lavorato per le più importanti testate giornalistiche multimediali del Friuli Venezia Giulia, del Veneto e del Nord Italia, comprese quelle di distribuzione nazionale. Fra le sue numerose esperienze professionali: primo caposervizio dell’edizione pordenonese de Il Gazzettino, dal 1965 al 1974; curatore di collane librarie; ricercatore e divulgatore di testimonianze e di memorie per la pubblicazione di una storia contemporanea specifica del territorio. Con Sigfrido Cescut e altri co-autori ha scritto numerosi volumi di storia contemporanea del Friuli Occidentale.

Sigfrido Cescut

Giornalista pubblicista, collabora da 23 anni al Messaggero Veneto con servizi giornalieri collegati all’attualità e alla cultura del Pordenonese e del Friuli Venezia Giulia. Ricercatore e divulgatore di testimonianze e memorie per la pubblicazione di una storia contemporanea specifica del territorio. Autonomamente e con Pietro Angelillo ha scritto numerosi volumi di storia contemporanea del Friuli Occidentale.

—^—

In copertina, l’immagine con cui si apre il volume di Pietro Angelillo e Sigfrido Cescut.

, , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento