Hits: 5

Vintage è bello e piace. Infatti, hanno avuto così tanto successo, sabato a Sacile, le due ruote storiche, che lo staff organizzativo, quello delle mitiche Zie, assicura: “Ritorneremo presto!”. Di tutto rilievo la partecipazione: un’ottantina tra appassionati di bici d’epoca e amanti del mondo che fu hanno preso parte alla Bike Vintage Alpe Adria, la celebre pedalata vintage non competitiva che da anni anima i centri storici delle principali località del Friuli Venezia-Giulia. La manifestazione organizzata dall’Asd Esclamative, in collaborazione col Comune del Livenza, e con il prezioso supporto di PromoTurismoFvg, BancaTer e ConfartigianatoPn, ha riscosso un grande successo di partecipanti con la presenza di numerosi ciclisti provenienti da ogni angolo della regione, ma anche dal vicino Veneto.
In ottemperanza alle nuove disposizioni in tema di Covid-19, tutti i ciclisti hanno preso parte alla manifestazione indossando la mascherina, uno strumento che ben presto è stato oggetto di interessanti personalizzazioni da parte dei partecipanti, che hanno sfruttato l’occasione per compiere un ulteriore salto indietro nel tempo, tornando al periodo dell’influenza Spagnola.
Il via della Bike Vintage Alpe Adria 2020 è stato dato dal sindaco Carlo Spagnol, dall’assesore comunale Roberta Lot e dal presidente di Confartigianato di Pordenone, Silvano Pascolo, nel primo pomeriggio con il tradizionale taglio del nastro, avvenuto nella splendida cornice di piazza del Popolo, che ha sancito l’inizio ufficiale della pedalata. Una volta partiti, i ciclisti hanno seguito uno spettacolare percorso disegnato per l’occasione da Marisa Poletto, dell’Infopoint Visit-Sacile, che li ha portati a scoprire ogni angolo della splendida cittadina del Pordenonese, costeggiando le sponde del Livenza e ammirando la graziosa Chiesetta della Pietà, venendo accompagnati nel corso dell’intero tour dalle guide turistiche del Friuli Venezia Giulia che, tramite audio-guida, hanno spiegato ogni dettaglio della città. Valorizzazione del territorio ed il glamour non sono stati gli unici ingredienti che hanno caratterizzato questo appuntamento. Infatti, la pedalata ha fatto sosta alla Tenuta Vistorta e Villa Brandolini d’Adda, dove i partecipanti hanno potuto visitare il meraviglioso parco, la barchessa e la cantina, e nel frattempo degustare ottimi calici di vino venendo accompagnati dalla musica dei Bandaròs di Fagagna. Il tour ciclistico si è concluso attorno alle 19, con la carovana che ha fatto nuovamente ritorno in piazza del Popolo, dove è stato organizzato un brindisi finale offerto dall’azienda vitivinicola San Simone, di Porcia, nei bar storici della città: Caffè Commercio e Le Clicò.
Un successo che ha ripagato pienamente gli sforzi delle organizzatrici che sono riuscite a portare a termine la manifestazione, nonostante i numerosi vincoli dovuti all’emergenza sanitaria. “A nome delle Zie, voglio ringraziare tutti i partecipanti, gli sponsor, i partner, gli enti ed in particolare il Comune di Sacile che hanno creduto in questo progetto fin dall’inizio – ha detto Federica Fasano, “deus ex machina” della manifestazione -, nonostante le restrizioni dovute al Covid-19 siamo riuscite ad organizzare questo evento seppur modificandone l’idea originale. Il nostro obiettivo, Covid permettendo, è quello di tornare nuovamente a Sacile, magari già il prossimo anno, proponendo un vero e proprio weekend all’insegna del vintage, dove la pedalata funga da collante per l’intera manifestazione”.

—^—

In copertina e all’interno tre immagini della pedalata d’epoca a Sacile.

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento