Hits: 423

di Giuseppe Longo

«Il nostro programma è ricco di incontri e manifestazioni di vario tipo, dalle passeggiate al teatro con un occhio di riguardo ai giovani». Ma, al di sopra di tutto, c’è il rilancio dell’Antighe Sagre des Campanelis «con la speranza che quest’anno possa splendere come merita». Bello e impegnativo il programma della Pro Loco del Comune di Nimis, nonostante il momento continui a essere difficile a causa dell’emergenza sanitaria. La Pro Nimis, infatti, «non si arrende e continua a credere nel domani», ma per fare questo ha bisogno del sostegno di tutti, ha sottolineato, lanciando il tesseramento 2021, il sodalizio guidato da Giovanna Rossetto: Luigi Bertolla è invece suo vice e Carla Monai segretaria, mentre il consiglio è formato da Romina Ceschia, Dina Di Betta, Cecilia Gervasi, Francesco Nimis, Enrico Querini e Sandro Tomada. «Abbiamo bisogno di forze nuove. Ogni nuova idea – si afferma in un volantino distribuito in questi giorni – è crescita del paese. Insieme, uniti possiamo fare molto». E questo perché «ogni manifestazione ha bisogno di forza lavorativa, di entusiasmo, di sacrificare qualche ora delle nostre giornate e donarla al paese”. Per cui «il primo passo per concretizzare questo aiuto è diventare socio Pro Loco. Non potendo incontrarci, siamo a vostra disposizione per informazioni ed iscrizioni (vecchie e nuove): proloconimis@yahoo.it, cell. 3498686675, cell. 3487784054».

.

«Il 2021 non è iniziato nel migliore dei modi – osserva ancora la Pro Nimis -, la continua espansione del Covid ci impone il divieto di raggruppamento, nel rispetto della salute di tutte le persone. Nonostante ciò, la Pro loco vuole credere ad una continuità con un nuovo programma di manifestazioni ed incontri da svolgersi durante l’anno». E’ pronta, insomma, a rimboccarsi le maniche per rimettersi al lavoro, dopo un anno di “silenzio”. Carnevale è stato appena archiviato senza poter vedere nulla di quanto si applaudiva in passato a causa dei noti motivi, ma ora, anche con la speranza che le cose migliorino con l’arrivo della bella stagione, l’associazione che fa leva sul volontariato – del quale non ce n’è mai troppo! – è ben motivata a impegnarsi per dare attuazione all’annunciato programma. Al vertice del quale c’è, proprio, la ultracentenaria “Sagre de Madone di Setembar” o appunto “des Campanelis”, che rappresenta, assieme al momento religioso attorno al quale ruota, il richiamo più sentito dalla popolazione di Nimis, ma anche di tutto il Tarcentino e del Rojale. E’, infatti, una sagra dalle antiche suggestioni, per raggiungere la quale,  prima dell’ultima guerra, a Udine si organizzavano addirittura corse speciali del mitico “tram bianco”, con servizio biciclette da Tricesimo a Nimis. Una sagra che ha ripreso vigore e significato alla fine degli anni Settanta, quando si è abbandonata la formula che prevedeva una parte sul Prato delle Pianelle, in coincidenza con l’8 settembre e la sua vigilia, e un’altra nel centro del paese, tra piazza centrale e oratorio, con luna park, spettacoli musicali di livello e grandiose pesche di beneficenza. Molti ricorderanno ancora quelle, meravigliose, che si allestivano nel Duomo ancora al grezzo proprio per ricavare proventi con cui poterlo ultimare. La concentrazione di ogni attività a Madonna delle Pianelle ha infatti dato uno stimolo in più alla storica manifestazione, consentendone un rilancio in grande stile. Poi, anche questa sagra, ha dovuto fare i conti con la concorrenza di tante altre spuntate ovunque, registrando ovviamente meno presenze ma pur senza perdere il suo fascino. Quello che la Pro Nimis è bene intenzionata a recuperare e a rilanciare dopo la “pausa” dello scorso anno a causa proprio della crisi sanitaria. Che tutti auspichiamo allenti finalmente la presa, consentendoci di tornare ai ritmi consueti, che sono fatti anche della necessità di tenere vive le nostre più belle tradizioni.

Informazioni ed iscrizioni (vecchie e nuove): proloconimis@yahoo.it, cell. 349.8686675, cell. 348.7784054

—^—

In copertina e all’interno alcune immagini della sagra dei primi anni Ottanta sul prato delle Pianelle.

, , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento