di Gi Elle

Venerdì Santo. Da ben 41 anni a Ciconicco si allestisce una sacra rappresentazione che, a buon diritto, si è attestata fra le principali d’Italia. Tanto da essere stata presentata recentemente addirittura a Matera, Capitale europea della Cultura 2019. Anche se nella città lucana c’era stato soltanto un anticipo di quanto accadrà, proprio questa sera, alle 21, sulle colline della frazione di Fagagna, quando “Un Grup di Amis” proporrà “Qui salvandos salvas gratis”, come è stata intitolata la Via Crucis vivente di quest’anno, inserita nel calendario di Europassione per l’Italia, associazione nata nel 2003, che riunisce oltre una trentina di Passioni su tutto il territorio nazionale e che sta portando avanti il progetto “Prospettiva Unesco”, con l’obiettivo di vedere riconosciuta la ricchezza delle Passioni italiane come “Patrimonio Immateriale dell’Umanità”.

Un’Italia di Passioni, insomma, unita sotto la Croce a Matera e che guarda all’Unesco. Parte da questa esperienza l’ultima fase dei lavori di “Un Grup di Amis” per questa 41a rappresentazione che ogni anno si rinnova, proponendo nuove scenografie, nuovo testo, nuove musiche, luci e costumi. Quest’anno però con una ulteriore novità: la location, l’anfiteatro naturale delle bellissime colline moreniche, sarà spostata nello spazio sovrastante gli impianti sportivi del Car Ciconicco, per dare al pubblico una nuova prospettiva.

“Qui Salvandos Salvas Gratis” parlerà di gratuità, del rapporto tra l’uomo ed il denaro, ponendo lo spettatore di fronte ad una riflessione sui veri valori della propria vita, in contrapposizione al loro prezzo. Un tema che il regista, Giacomo Trevisan, ha voluto attualizzare collegandolo visivamente a contesti contemporanei, attuali e riconoscibili dal pubblico; una sorta di provocazione calata tra le scene che le persone del paese hanno costruito sotto la supervisione di Luigina Tusini, scenografa ed artista che da tempo collabora con “Un Grup di Amis”. Gli attori, quasi un centinaio di ogni età, sono persone comuni di Ciconicco e degli abitati circostanti, che vivono con spirito quasi sacrale quest’esperienza,  coinvolgendo emotivamente, pur non essendo professionisti, il pubblico che accorre sempre numeroso.
Tutto questo fa dunque parte del Venerdì Santo di Ciconicco, una Passione che appartiene a un patrimonio trasmesso da persone che lo hanno saputo perpetuare nel tempo, alle quali “Un Grup di Amis” è riconoscente. Per ulteriori dettagli info www.ciconicco.it.

La crocifissione sui colli di Ciconicco.

—^—

In copertina, una scena della Passione che si rievoca oggi. 

Hits: 53

, , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento