Visits: 26

di Mariarosa Rigotti

Ci sarà anche il Cta di Gorizia, nella fattispecie il direttore artistico Roberto Piaggio, tra i partecipanti a Padova a una serie di appuntamenti che prendono il via oggi, 3 maggio, e che proseguiranno fino a giugno: fanno parte dei corsi di Storia ed Estetica della luce in scena e Teatri di Figure Storie ed estetiche tenuti dalla professoressa Cristina Grazioli dell’Ateneo patavino. Da sottolineare che l’intervento di Piaggio si colloca nell’ambito del Seminario di Economia dello Spettacolo che è coordinato dal professor Alessandro Faccioli. L’incontro è previsto per martedì prossimo, dalle 15.30 alle 17.30, al Complesso Calfura (aula C). «A Padova – anticipa Piaggio – dovrei raccontare la storia e le finalità dell’Alpe Adria Puppet Festival e di conseguenza del Cta del teatro di figura in regione e transfrontaliero. Il contesto geopolitico e culturale in cui è nato e il futuro. Ma mi lascerò condurre dalle domande degli studenti».

Cristina Grazioli


Come si legge, infatti, nel programma di questi incontri, «Roberto Piaggio, cofondatore del Centro Teatro Animazione e Figure di Gorizia, interverrà su Alpe Adria Puppet Festival, la manifestazione, oggi alla sua 32ª edizione, vetrina internazionale di teatro di figura, ma anche “incubatore” di progetti e iniziative che si aprono ad altre forme di teatralità, a contaminazioni fra le arti ed esperienze differenti, nella convinzione che solo attraverso la conoscenza delle diversità si possa tentare di rispondere alle complessità del mondo contemporaneo».
Fitti gli appuntamenti in cartellone. Così, ricordando i primi, appunto oggi 3 maggio, c’è in programma il Seminario “Luoghi e spazi delle luce: percezione, performance, immersione”, che si terrà nella Sala delle Edicole (in piazza Capitaniato), dalle 11 alle 12.30. Prevista la relazione di Véronique Perruchon (Université de Lille) su “André Engel: estetica dello spazio condiviso tra luogo teatrale e luogo urbano. Stati atmosferici e intersezioni tra cinema e scena”. Da sottolineare che l’appuntamento si colloca nell’ambito della didattica della Scuola di Dottorato in Storia Critica e Conservazione dei Beni Culturali: Attività didattica «Dipartimento dei Beni Culturali. Quindi, alle 14, nello stesso luogo sarà la volta del seminario “Luoghi e spazi delle luce: percezione, performance, immersione Padova” introduzione della citata professoressa Grazioli, quindi, dalle 14.15-14.45, intervento di Alberto Pasetti Bombardella (Architetto e Lighting Designer) su “La percezione dell’opera d’arte nella messa in scena museale” e, dalle 14.45 alle 15.15, in collegamento on line sarà la volta di Joslin McKinney (Leeds University, GB) che parlerà di Atmosfere Scenografiche; quindi, dalle 15.30 alle 16, Guido Bartorelli, Barbara Cenere ed Elena Della Giustina relazioneranno su “Danzare nella luce: da “Tu sei” (1972) di Alberto Biasi ad “Alter /Alia” (2023) di Elena Della Giustina”; seguirà dalle 16.15 alle 16.45 Pasquale Mari con “Il chiuso e l’aperto. La trasformazione del luogo del lavoro umano attraverso la sensibilità contemporanea dell’arte e del teatro”. Infine, dalle 16.45 alle 17.30 in programma discussione e conclusione – modera Cristina Grazioli; partecipano alle discussioni Luigi Deiró Berilo Nosella (Universidade Federal de São João del Rei, Brasile), Véronique Perruchon (Université de Lille).

Roberto Piaggio


Passando poi a domani in sala Donatello (Cinema MPX, via Bonporti) dalle 14.30 alle 18.30 ci sarà Véronique Perruchon che parlerà di “Creare con la luce in modo sostenibile” (nel programma si sottolinea che l’attività è aperta a tutti nei limiti dei posti disponibili, con precedenza agli studenti e alle studentesse del corso di Scienze dello Spettacolo e della Produzione Multimediale. L’iscrizione è obbligatoria tramite info@associazioneacta.com). Mentre venerdì, nella Sala delle Edicole, dalle 10.30 alle 12.30 Cristina Grazioli, Véronique Perruchon e Luigi Deiró Berilo Nosella si soffermeranno su “Dire Luce, Lumière de spectacle, La notazione della creazione luci”.
Alle 18, all’Agorà del Centro Culturale Altinate San Gaetano, appuntamento con “Metamorphosis. Atti di metamorfosi contemporanea” di e con Carlo Massari (segnalato in particolare per il corso di Teatri di Figure. Storie ed estetiche. Nell’ambito del festival Prospettiva Danza Teatro XXV edizione. Per maggiori informazioni: Carlo Massari | Metamorphosis atti di metamorfosi contemporanea – Prospettiva Danza Teatro). Mentre, alle 18.45 Cristina Grazioli parlerà di “Estetica del Grottesco e metamorfosi della figura” (questo nell’ambito del festival Prospettiva Danza Teatro: Incontro “Estetica del grottesco e metamorfosi della figura” – Prospettiva Danza Teatro). Arrivando quindi, a sabato 6 maggio, alle 19, appuntamento nel chiostro del Complesso Beato Pellegrino (in caso di maltempo l’evento si svolgerà in Galleria) con “La cameriera di poesia. Una RistorAzione per lo Spirito”: performance di e con Claudia Fabris (incontro nell’ambito del Festival AvvicinaMenti, organizzato del Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università degli Studi di Padova: Festival AvvicinaMenti | Il Bo Live UniPD). Poi lunedì prossimo, in aula Spettacolo, a palazzo Beldomandi, dalle 10.30 alle 12.15 ci sarà Luigi Deiró Berilo Nosella che parlerà di “Guilherme Bonfanti, un creatore luci sperimentatore di spazi alternativi”. Intervento nell’ambito del corso di Storia ed estetica della luce in scena). E si arriva a martedì 9 maggio con protagonista, dal capoluogo isontino Roberto Piaggio. Comunque, come già ricordato, gli appuntamenti proseguiranno fino a giugno. E per saperne di più ci si può rivolgere all’associazione Acta (info@associazioneacta.com).

—^—

In copertina, il tradizionale logo dell’Alpe Adria Puppet Festival.ci

, , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com