di Lant Ator

Fino a non molti anni fa, le vetrine di un cinema erano occupate dai manifesti e dai cartelloni del film che si stava proiettando, ma anche di quelli in programmazione pure a lungo termine al fine di creare un clima d’attesa fra il pubblico degli affezionati spettatori. Oggi i cinema, salvo rare eccezioni nelle città – ovviamente il riferimento non è ai multisala di abbastanza recente istituzione -, ovunque hanno abbassato tristemente le serrande, complici diversi motivi sui quali sarebbe troppo lungo disquisire. Ma indubbiamente televisione e social sono ai primi posti.

E allora cosa fare? Come riconvertire quelle sale e quegli spazi che hanno divertito per decenni e nella cui penombra sono sbocciati amori e nate famiglie? A Grado da anni ormai hanno avuto la bella idea di ospitare delle mostre di successo, ma ora anche di destinare le vetrine – quelle appunto dei manifesti – a esposizione artistiche, specialmente nei mesi di “calma” turistica.
E’ il caso, lodevole, delle vetrine dell’ex Cinema Cristallo che sono occupate dall’arte tutto l’anno: prosegue infatti la volontà dell’assessore comunale alla Cultura, Sara Polo, di potenziare l’offerta culturale della cittadina balneare anche in questo periodo di bassa stagione. Viste le numerose richieste, si è cercato infatti di dare spazio agli artisti locali od emergenti mettendo a disposizione gratuitamente proprio le vetrine dell’ex cinema di viale Dante Alighieri per le esposizioni personali o di associazioni locali.

Ecco la mostra di Graziella Ranieri.

A inaugurare il calendario 2019 con “Pittosculture. La volontà di recuperare attraverso i materiali il ricordo di vecchie emozioni” è la pittrice e scultrice Graziella Ranieri, le cui opere sono in esposizione fino al 27 febbraio.  Mentre dal 5 al 17 marzo è il turno della personale di quadri di Andrea Marchesan; poi, dal 22 marzo al 2 aprile ci saranno i lavori di Alessandro Barbana. Dal 7 al 28 aprile, invece, tornerà l’ormai consueto appuntamento con l’esposizione a cura dei Rossoneri 2000 dal titolo: “Mostra fotografica Grado anni 50/60”.
A maggio, poi, dal 4 al 16 saranno esposte le opere di Dany Tomasini con “Fatal 90. L’arte dei frattali”, mentre dal 22 al 17, curata dal Cisi, seguirà una mostra dei manufatti prodotti durante i laboratori pratico-manuali e creativi dei centri diurni. Dal 30 maggio al 9 giugno, invece, le vetrine del Cristallo ospiteranno le opere di Stefania Trevisan. E questo soltanto per arrivare alle soglie dell’estate.

“E’ bello vedere quelle vetrine prendere vita anche nei periodi di bassa stagione – afferma Sara Polo, poiché danno un tocco in più al viale e invogliano i visitatori a deviare la propria passeggiata per passare a dare un’occhiata. Molti espositori hanno dimostrato di avere un grande talento e così facendo diamo a loro l’opportunità di esporre e farsi conoscere, valorizzando i loro lavori. Sarà sicuramente piacevole”.

Grado è suggestiva anche d’inverno.

—^—

In copertina, l’ex Cinema Cristallo a Grado ora è sede di mostre d’arte.

—^—

 

E a Trieste in vetrina
c’è la magìa dei Lego

E visto che siamo in tema di mostre, ecco un cenno anche a quella, molto particolare, inaugurata stamani a Trieste, nel Salone degli Incanti, sulle Rive, dove è stata allestita “I love Lego”, dedicata a quei mattoncini colorati con cui hanno giocato, in maniera intelligente, molte generazioni e che sarà visitabile fino al 30 giugno (martedì-venerdì 10-18; sabato, domenica e festivi 10-19). “L’abbinamento di marchi storici di indubbio valore collegati a Trieste, ovvero Generali e Genertel, con uno internazionale e transgenerazionale come Lego e il loro inserimento nella splendida cornice del Salone degli Incanti rappresentano una garanzia di successo e consentiranno di calamitare un folto pubblico”, ha detto l’assessore regionale alle Autonomie locali, Pierpaolo Roberti, alla cerimonia inaugurale della bella esposizione che poi ha visitato assieme al sindaco Roberto Dipiazza. L’esponente della Giunta Fedriga ha evidenziato che “si tratta di un’iniziativa capace di catturare sia l’attenzione dei bambini sia quella dei grandi, abbattendo le barriere generazionali. Non possiamo quindi che essere felici del fatto che Genertel abbia voluto celebrare il suo 25° anniversario di fondazione con un evento che darà lustro al capoluogo regionale”.

Roberti e Dipiazza visitano la mostra. (Foto Arc Montenero)

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento