Hits: 8

Tre concerti di livello tra oggi e domani, a Udine, Tolmezzo e Trieste. In particolare, nel capoluogo friulano prende il via la rassegna musicale che ha come simbolo di Castello di Udine. Ma ecco, in dettaglio, i tre appuntamenti.

Tutto al Palamostre

UDINE – “Festival Udine Castello” oggi al via. Come già anticipato ieri, parte la settima edizione della rassegna organizzata dagli Amici della Musica di Udine con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali, Regione Fvg, PromoTurismo, Comune di Udine, Fondazione Friuli, Fondazione Renati e Club Unesco Fvg. Ma, anziché il Castello, Causa Covid, quest’anno sarà il Teatro Palamostre a ospitare il Festival che intende unire le ricchezze artistiche di Udine con la valenza internazionale dei musicisti e la presentazione di programmi particolari. Cambia quindi la location, ma lo spirito di fondo è pur sempre legato allo splendido Castello, non solo icona della città e sede di uno dei primi esempi di Parlamento al mondo, ma anche, nel lontano passato, fortezza costruita dai Patriarchi di Aquileia.
Nell’edizione 2020 il paese protagonista sarà immancabilmente l’Italia, con interpreti che, oltre a presentare brani di compositori nazionali, ci offrono capolavori di culture europee e del mondo, come il concerto di Aranjuez per chitarra e orchestra, la Quinta di Beethoven nell’elaborazione originale di Casella per pianoforte a 4 mani e la celeberrima Suite in si minore di Bach per flauto e orchestra.
La manifestazione sarà, dunque, inaugurata oggi, alle 17, con il duo Sollini-Barbatano (attuale testimonial della Sony Classical, per la quale gli artisti hanno inciso tutto Beethoven per pianoforte a 4 mani) che presenterà, in omaggio al bicentenario del “titano” di Bon, un programma interamente monografico, con la rara trascrizione di Alfredo Casella della Sinfonia n.5.
Domenica 4 ottobre ecco, invece, una produzione dell’Ente Regionale Teatrale Fvg. Sul palco del Palamostre arriva la compagine orchestrale formata dai solisti dell’Accademia Naonis e del Donatello Ensemble diretti da Alfredo Sorichetti (foto), bacchetta ormai riconosciuta a livello internazionale. Il violinista tedesco Burghard Toelke esegue il Concerto in la minore di Bach, mentre Luisa Sello, flautista Dynamic e presidente del sodalizio AdM, ci offre la celeberrima Suite in si minore di Bach ed una trascinante Carmen Fantasy, trascritta per flauto e orchestra d’archi proprio per lei.
L’11 ottobre il cartellone continua con un omaggio particolarissimo a Giovanni da Udine, uno dei più brillanti allievi e collaboratori di Raffaello, di cui si celebra quest’anno il trecentenario dalla morte. L’ensemble “I Serenissimi Piffari”, tra danze rinascimentali, flauti dolci, cromorni, cornetti e bombarde, presenta “Gli strumenti musicali di Giovanni da Udine nell’opera di Raffaello” e vuole mettere in evidenza la presenza degli stessi strumenti dipinti da Giovanni da Udine nell’opera “L’Estasi di Santa Cecilia” di Raffaello Sanzio. L’evento, introdotto da Liliana Cargnelutti, vedrà l’esibizione del gruppo rinascimentale in musiche del tempo (Giorgio Mainerio, Susato, Arbeau) con strumenti originali e danze storiche.
Si chiude domenica 18 ottobre con la Gorizia Guitar Orchestra, compagine originale di sole chitarre: direttore Claudio Pio Liviero e solista Pierluigi Corona, con musiche di Rodrigo, Vivaldi, Tortora e Brower.
Tutti gli appuntamenti inizieranno alle ore 17. I biglietti sono acquistabili presso il box office del Teatro Palamostre, anche direttamente all’ingresso dei concerti fino a esaurimento posti (15 euro interi, 10 euro ridotti studenti e over 65, gratuito con Fvg Card). Il pubblico potrà usufruire di un prezzo ridotto per visitare i Civici Musei (Musei del Castello, Casa Cavazzini e Museo Etnografico) tramite il coupon da ritirare al desk dei concerti.
In tutti i concerti saranno rispettate le norme di tutela sanitaria. Info: www.amicimusica.ud

Spazi sonori al Candoni

© Simone Di Luca

TOLMEZZO – Il concerto di Francesca Michielin (foto) #spazisonori, organizzato da Euritmica, Comune di Tolmezzo, Carnix Project e Aps Reset, con la collaborazione di Zenit Srl, in programma oggi a Tolmezzo, è stato trasferito al Teatro Candoni – allestito nel rispetto delle misure per il contenimento del Covid-19 – a causa dell’alta probabilità di avverse condizioni meteo, che ne impedirebbero lo svolgimento nella location all’aperto di Prà Castello.
La star del pop italiano si esibirà dunque nella città carnica, con inizio alle 17, preceduta alle 16 dalla band Charlestones, di recente a XFactor, mentre la biglietteria del teatro aprirà alle 15. I biglietti precedentemente acquistati rimangono validi. Chi volesse comperare gli ultimi biglietti disponibili potrà farlo online su www.ticketone.it, in tutti i punti autorizzati del circuito e a Tolmezzo all’edicola Il Fiammifero in via Giacomo Matteotti, 2. Tutte le info su www.euritmica.it
La musica non si ferma. Francesca Michielin lo ripete in ogni occasione fin dall’inizio di questi tempi difficili. Dopo l’uscita a marzo del suo nuovo album Feat (Stato di Natura), dedicato all’importanza dell’incontro e l’unione di mondi apparentemente diversi – l’unico pubblicato coraggiosamente ad inizio lockdown –, Francesca ha da subito deciso di non fermarsi e sta portando la sua musica in suggestive location in tutta Italia, anche in questi tempi complicati e di distanziamento: «In questi giorni penso a che rivoluzione stiamo realizzando tutti assieme. Fino a pochi mesi fa era impossibile immaginare un tour, era impossibile progettare qualsiasi cosa. Grazie per tutto il supporto e l’entusiasmo che mi regalate, è un onore cantare per e con voi”. Queste le parole che la cantante veneta dedica al suo pubblico.
Ed è proprio da questa sua voglia di continuare a condividere emozioni che è nato “Spazi Sonori”, il suo nuovo, esclusivo viaggio musicale, prodotto da Vivo Concerti. Oltre un’ora di show con un set originale e arrangiamenti inediti, creati appositamente da Francesca attorno alle sonorità dei brani scelti. Sul palco con lei il polistrumentista Francesco Arcuri ed Ernesto Lopez alle percussioni: atmosfere electro-pop ma anche strutture melodiche dal sapore orchestrale, rock urban dalle mille sfaccettature multiculturali, ma anche drumpad e synth, per una scaletta unica che racconta la storia musicale di Francesca, dalle canzoni più famose della sua carriera ai più recenti singoli dell’ultimo album. Info al sito www.euritmica.it / +39 0432 1720214.

Grande pianista tedesco

TRIESTE – Secondo appuntamento per il Festival Pianistico 2020, l’annuale vetrina solistica “Giovani interpreti e grandi Maestri” promossa da Chamber Music Trieste per la direzione artistica di Fedra Florit: domani, alle 20.30, l’appuntamento è con il concerto di Severin Von Eckardstein (foto), il pianista tedesco che ha consolidato una carismatica presenza sui palcoscenici della maggiori Sale da concerto del mondo, entusiasmando il pubblico con performance a Berlino, Monaco, Mosca, Parigi, Londra, New York, Amsterdam Hong Kong, Tokyo e Seul. In scaletta i brani comporranno un originale tributo a Franz Schubert: innanzitutto con alcuni pezzi originali come la Sonata in sol maggiore op.78, la Sonata in la minore op.143 e il Momento musicale in la bemolle maggiore n.2, quindi con il tributo di Leopold Godowsky – Schubert Lieder – e con la Soirée de Vienne n.6 valse-caprice di Franz Liszt. Quindi due sonate rappresentative della penultima fase musicale di Schubert e del suo linguaggio musicale, oltre a pezzi che attingono da Schubert quale Maestro della melodia: due trascrizioni per pianoforte molto fini e colorate delle sue canzoni di Godowsky, una “soirée de Vienne” pianisticamente efficace ed elegante di Liszt, che combina i temi delle danze per pianoforte di Schubert e un “momento musicale” originale.
Prevendite e biglietti presso TicketPoint Trieste – tel. 040 3498276. Dettagli e aggiornamenti sul sito www.acmtrioditrieste.it. Playing, Stagione 2020 dell’Associazione Chamber Music, è sostenuta dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e da Mibact, Comune di Trieste, Iniziativa Centro – Europea, Generali, Banca Mediolanum, Itas Assicurazioni, Suono Vivo – Padova e Zoogami.

—^—

In copertina, “L’Estasi di Santa Cecilia” di Raffaello Sanzio.

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento