di Gi Elle

Quanta bella musica tra oggi e domani, in Friuli Venezia Giulia, in occasione della solennità dell’Immacolata Concezione. Una serie di invitanti appuntamenti che abbiamo scelto da Gemona a Muggia, passando per Sacile, Tricesimo, Trieste e Udine. Ecco le varie proposte in dettaglio.

GEMONA – L’odierna festa mariana, che cade nella seconda domenica di Avvento, sarà celebrata, con particolare solennità, nel Santuario di Sant’Antonio a Gemona. Nell’ambito del ricco programma di Nativitas 2019, alle 11, il rito sarà intercalato dagli interventi del locale coro Kelidon – Si Quaeris, diretto da Lyda Cragnolini, accompagnato dal Complesso d’archi del Friuli e del Veneto, diretto da Guido Freschi. A Gemona appuntamento poi nel pomeriggio, alle 16.30, nel Duomo di Santa Maria Assunta con il concerto corale “Gnot di cil, gnot d’amor”, protagonisti i cori “Primetor” di Gemona (direttore Toni Colùs), “Guarneriano” di San Daniele (Adelchi Zoratti) e “San Giacomo” di Pasian di Prato (Giulio Tavian). Ma altri concerti di Nativitas per l’Immacolata sono oggi a Camino al Tagliamento (Chiesa Arcipretale di Ognissanti, ore 18.30), Piano d’Arta Terme (Chiesa di Santo Stefano, ore 20.30), Povoletto (Chiesa di San Martino Vescovo di Ravosa, ore 10.30), Ronchi dei legionari (Chiesa di Maria Madre della Chiesa, ore 16), Ruda (Chiesa di Santo Stefano, ore 18), San Giorgio di Nogaro (Chiesa della Madonna Addolorata, ore 16), San Pier d’Isonzo (Chiesa parrocchiale, ore 18), Trieste (Chiesa di Santa Caterina da Siena, 12 con celebrazione liturgica), Trieste (Chiesa Evangelica Luterana, ore 19), Trieste (Chiesa della Beata Vergine del Soccorso, ore 19.30) e Udine (Chiesa di Sant’Andrea Apostolo di Paderno, ore 17).

Il logo di Nativitas 2019.

MUGGIA – Sarà un programma originale e coinvolgente, fra antiche danze ed arie e sfrenate melodie sudamericane, quello proposto dall’Orchestra da Camera del Friuli Venezia Giulia, diretta dal maestro Romolo Gessi, per la tournée che la vedrà protagonista nei teatri del nord-est e sui palcoscenici della Slovenia. L’avvio in occasione di una data tradizionale, quella di oggi, 8 dicembre, con il Concerto dell’Immacolata: appuntamento al Teatro Comunale di Muggia, dalle 17 con ingresso gratuito e offerta libera, per l’evento musicale attesissimo, di scena in questa edizione nel cinquecentesimo anniversario dalla scomparsa di Leonardo da Vinci e dalla partenza dell’impresa di Ferdinando Magellano. Dall’Europa di Leonardo al Sudamerica di Magellano titola il concerto che impegnerà i 16 elementi dell’Orchestra da Camera del Fvg in un progetto particolarmente affascinante: si parte con l’omaggio a Leonardo nei 500 anni dalla scomparsa. In programma la Suite n.3 di Antiche danze ed Arie, composta su temi del sedicesimo secolo, orchestrati modernamente da Ottorino Respighi, seguita da Il Sogno di Leonardo, un brano originale di Silvano Perlini, composto per l’occasione e ispirato a un aforisma del genio dell’invenzione. Cinquecento anni fa partiva anche la spedizione di Ferdinando Magellano, alla ricerca di un passaggio in Sudamerica tra l’Oceano Atlantico e quello Pacifico, così denominato in seguito dallo stesso Magellano. Il programma musicale proseguirà quindi con alcuni classici della musica latino-americana, fra tanghi argentini e melodie brasiliane come il Mourão di César Guerra-Peixe, Blue Tango di Leroy Anderson, Por una Cabeza di Carlos Gardel, El Choclo di Angel Villoldo, Libertango di Astor Piazzolla, per ritornare quindi nell’area mediterranea con le danze israeliane Rikudim di Jan Van der Roost, a simboleggiare un ideale circumnavigazione del mondo musicale. Il Concerto dell’Immacolata sigla l’inaugurazione della tournée di fine anno dell‘Orchestra da Camera del Fvg, che proseguirà portando il gruppo musicale in diversi altri centri della Regione, per concludersi in Slovenia, al Castello di Radovljica.

L’Orchestra da camera Fvg. 

SACILE – E’ intitolato “Contrasti e suggestioni” il concerto sinfonico in programma domani, 9 dicembre, alle ore 20.45 al Teatro Zancanaro di Sacile. Sarà il grande concerto di chiusura del XXIII Fvg International Music Meeting con ospite l’Orchestra Sinfonica della Facoltà di Musica di Belgrado. diretta da Bojan Suđić, definito dalla critica “il nome di spicco tra i direttori della musica serba di oggi”. Il programma prevede l’esecuzione dell’Estratto dal balletto «Ohridska legenda» di Stevan Hristić, la Sinfonia n.5 op.47 di Dmitrij Shostakovich e il Concerto in re maggiore per violino e orchestra, op.35 di Pëtr il’ič Čajkovskij. Solista il ventinovenne Dragan Sredojević, debuttante già all’età di 7 anni e da allora, con oltre cinquecento concerti nelle sale più famose in tutto il mondo, è considerato “uno dei migliori violinisti della sua generazione, grazie al suo ineguagliabile talento, all’impeccabilità tecnica, al virtuosismo che coinvolge ed attira, alla profondità interpretativa”. Nella serata verrà presentato il violino Guadagnini del XVIII secolo, oggi di proprietà della Facoltà di Musica dell’Università di Belgrado. Ingresso libero.

L’Orchestra Sinfonica di Belgrado.

TRICESIMONote Nuove, la rassegna ideata e organizzata da Euritmica e dedicata alle trasformazioni della musica moderna, si appresta a salutare il suo pubblico, dopo un 2019 costellato da una serie di concerti da “tutto esaurito”, a partire dalla recente esibizione di Vinicio Capossela al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, in attesa dell’annuncio dei nuovi appuntamenti dell’edizione 2020. Il primo concerto è in programma oggi, 8 dicembre, al Teatro Garzoni di Tricesimo. Arrivano dalla Francia (ma sono italianissimi, con un friulano nella band) i “rockambolici” Guappecarto con il nuovo album “Sambol – Amore Migrante”, presentato di recente al Cafè de la Danse di Parigi e a breve in tutta Italia con un tour di una ventina di date già fissate. (Inizio alle 18 – biglietti online su Vivaticket e oggi alla biglietteria del teatro aperta dalle 17). L’album rivisita alcune composizioni di Vladimir Sambol, compositore degli anni ’30, nato a Fiume ed emigrato in Svezia dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il progetto nasce dall’incontro con la figlia del musicista, Mirjam Sambol Aicardi, che rimase impressionata dai live dei Guappecarto’, invitandoli a ripercorrere il repertorio del padre. Sul palco di Tricesimo: Dr. Zingarone, fisarmonica; Frank Cosentini, chitarra; Mr. Braga, contrabbasso; O’Malamente, violino; ‘O Brigante, percussioni.
L’ultimo concerto di Note Nuove 2019 segnerà il graditissimo ritorno della superband Love Caravan con il progetto “50th Woodstock Anniversary“, il primo in Italia nato per celebrare l’importante ricorrenza di quello che viene considerato il padre di tutti i festival. La band, che chiude la sua strepitosa stagione sul palco del Teatro Palamostre di Udine, domani alle 20.30, è composta da dieci tra i migliori musicisti professionisti del Friuli Venezia Giulia, con il featuring di Anthony Basso, affermato chitarrista della scena rock blues internazionale, e ospiterà sul palco, oltre a The Jailhouse Horns, una doppia sezione fiati, alcuni special guest quali Fabio Drusin, che fu il frontman dei W.I.N.D., famosa rock-blues band regionale scioltasi nel 2015, Gianna Chillà, splendida voce che ricorda molto da vicino quella della grande Janis Joplin e che fu soprannominata “la regina scalza” di The Voice of Italy su Rai Due, ed Alessio Velliscig, cantante dei Quintorigo che di recente ha esordito come solista con il suo nuovo album “Kama”. Uno show in perfetto stile “Sixties, con proiezioni e giochi di luci che rende omaggio a gruppi come The Who, Creedence Clearwater Revival, Grateful Dead e ad artisti come Jimi Hendrix, Santana, Crosby-Stills-Nash&Young, Arlo Guthrie, Janis Joplin, Joe Cocker e moltissimi altri che si alternarono sul palco di Woodstock nel 1969 (ultimi biglietti online su Vivaticket e la sera dello spettacolo alla biglietteria del Palamostre dalle 19). Info e prenotazioni: www.euritmica.it

 I Guappecarto oggi a Tricesimo.

TRIESTE“Auguri di Natale in musica” a Trieste: Chamber Music ancora una volta rinnova la tradizione mitteleuropea del brindisi con amici e persone care, dopo aver gustato sonorità scintillanti ed emozioni sonore affidate a grandi interpreti. Un concerto sotto l’albero che da molte Stagioni chiude la Stagione cameristica dell’Associazione Chamber Music, e che quest’anno sarà appunto affidato al Trio Metamorphosi, l’ensemble per pianoforte e archi sempre pronto a scommettere su traiettorie sonore originali. Come per il progetto Schumann, un percorso dedicato al grande compositore attraverso l’integrale per Trio, una dedica alla sua appassionata e moderna concezione dell’arte musicale. Appuntamento domani 9 dicembre, alle 18 all’Hotel Savoia Excelsior Palace, per un concerto che focalizzerà su due grandi – notissimi – Trii, tappa conclusiva del percorso monografico: il n. 1 in re minore e il Trio n. 2 in fa maggiore di Robert Schumann. L’appuntamento è promosso con Banca Mediolanum, che offre il brindisi al termine del concerto, prevendite in sala e presso TicketPoint Trieste, tel. 040 3498276. Dettagli e aggiornamenti sul sito www.acmtrioditrieste.it

Il Trio Metamorphosi.

—^—

In copertina, il maestro Romolo Gessi oggi sarà protagonista a Muggia.

Hits: 103

, , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento