di Gi Elle

Quanti meravigliosi appuntamenti musicali da questa sera a domenica prossima in Friuli Venezia Giulia! Ma oggi ci soffermiamo soltanto sulle proposte che arrivano da Gorizia, Pordenone, Sacile, Trieste e Udine. Eccole.

GORIZIA – Appuntamento oggi, alle 20.45, al Teatro Bratuz di Gorizia, per il quinto Concerto della Stagione concertistica “Elena Lipizer”, organizzato dall’Associazione culturale “Rodolfo Lipizer” onlus con il contributo del Comune, della Regione Fvg, del Mibac e della Fondazione Carigo. Sul palco il Trio Bonporti, che prende il nome dal compositore Francesco Antonio Bonporti (1672-1749). Il trio è formato da Myriam Dal Don – violino, Federico Magris – violoncello, Corrado Razza – pianoforte, tutti esecutori con curricula di grande prestigio e insegnanti nei Conservatori di Trento, Riva del Garda e Udine. Eseguiranno musiche di Ferrari, Debussy e Clara WecK Schumann (nel 200° anniversario della nascita), pianista, compositrice e moglie del grande Robert. Un programma di notevole impegno con tre esecutori, il cui cd con l’esecuzione delle opere di Ferrari è stato definito “una versione degna di costituire un punto di riferimento”. Lo sarà senz’altro l’ascolto di quanto proporranno. Per informazioni e prevendita ci si può rivolgere alle seguenti Agenzie: Gorizia – Libreria Antonini – Corso Italia 51, tel. 0481-30212, e-mail: antonini5@antoninicartolibreria.191.it; Trieste – Ticketpoint – Corso Italia 6/C, tel. 040-3498276/277, e-mail: ticketpointts@tiscali.it ; da Udine e Pordenone telefonare allo 0481-547863, e-mail: lipizer@lipizer.it

Il Trio Bonporti.

PORDENONE – Quattro pianoforti e un’orchestra per Bach è il titolo dell’evento che oggi, alle 20.30, accoglierà al Teatro Verdi di Pordenone l’integrale dei Concerti per più pianoforti di Johann Sebastian Bach. La serata, che avrà tra i suoi protagonisti i pianisti Maurizio Baglini, Gianluca Luisi, Andrea Padova, Marco Scolastra e Marcello Mazzoni, assieme a I Solisti Filarmonici Italiani diretti dal maestro Federico Guglielmo, vedrà la partecipazione straordinaria dell’ingegner Paolo Fazioli che, accompagnato dal consulente artistico del Verdi Maurizio Baglini, aprirà il concerto con un breve momento dedicato al racconto dello strumento a suggello del primo sostanziale incontro tra due importanti realtà culturali del territorio come il Teatro Giuseppe Verdi e il marchio pordenonese leader nel mondo nella costruzione di pianoforti da concerto. «Per la Fazioli pianoforti è motivo di grande orgoglio sostenere questo progetto – puntualizza Paolo Fazioli, già Cavaliere del lavoro per aver reinventato il pianoforte Made in Italy –, si tratta infatti di un concerto straordinario da tutti i punti di vista: quello musicale, per la scelta di un programma di rara esecuzione e che prevede composizioni fra le più belle mai prodotte dal genere umano; degli interpreti, che sono cinque pianisti eccezionali, nel pieno della loro carriera artistica; non meno dal punto di vista scenografico, poiché lo spettatore non può non venire colpito visivamente dalla disposizione, davanti all’orchestra, dei nostri quattro Gran coda che si distinguono anche per tratti estetici di particolare bellezza, oltre che per il loro particolare timbro». L’evento riunirà in un’unica serata i sei Concerti per più pianoforti (tre opere destinate a due strumenti, due per tre e uno per quattro pianoforti) di Bach, scritti tra il 1730 e il 1736 per il Collegium Musicum, l’associazione studentesca di Lipsia diretta dal compositore tedesco, che a ogni appuntamento si esibiva su musiche nuove.Informazioni, prenotazioni e biglietti: Biglietteria del Teatro tel. 0434 247624 aperta dalle 16 alle 19. www.comunalegiuseppeverdi.it

SACILE – Battute finali per l’edizione 2019 Festival pianistico internazionale Piano Fvg, un appuntamento biennale ideato e firmato dalla direzione artistica di Davide Fregona, che anche quest’anno ha celebrato i giovani musicisti internazionali che hanno brillato nel Concorso Piano Fvg degli ultimi anni con una serie di concerti itineranti in regione. Gran finale a Sacile, al Teatro Zancanaro, domenica 15 dicembre, alle 10.45, con il concerto Le otto Stagioni, un inedito accostamento delle «Quattro Stagioni» di Antonio Vivaldi con «Las Cuatro Estaciones Portenas» di Astor Piazzolla. Le opere dei due compositori, che condividono la medesima ispirazione, saranno interpretate dalla Nuova Orchestra da camera Ferruccio Busoni, diretta dal maestro Massimo Belli con la partecipazione di Lucio Degani (violino solista) e di Alberto Busettini al clavicembalo: per l’occasione suonerà un clavicembalo di produzione regionale, costruito dai Fratelli Leita di Prato Carnico. Complesso storico fondato nel 1965 da Aldo Belli, L’Orchestra da camera Ferruccio Busoni è una delle prime orchestre da camera sorte in Italia nel dopoguerra e la più antica della nostra regione. Riunisce affermati strumentisti, vincitori di concorsi internazionali, che tramandano la civiltà musicale del Trio di Trieste e del Quartetto Italiano di cui sono stati allievi. Novità assoluta per quest’ultimo appuntamento del festival pianistico, è l’intervento degli studenti del Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste – in particolare della classe della professoressa Nicoletta Sanzin, accompagnata dal direttore Roberto Turrin – che si esibiranno sulle arpe celtiche realizzate dai giovani studenti dell’Ipsia di Brugnera. Gli studenti selezionati avevano avuto, infatti, la possibilità di partecipare al laboratorio per la realizzazione di strumenti artigianali in legno sotto l’attenta e sapiente regia del maestro liutaio Mario Buonoconto (costruttore di strumenti antichi tra i quali la l’organo protativo meglio riconosciuto come “Fisarmonica” di Leonardo): un percorso formativo sulla costruzione di strumenti artigianali in legno che ha connota l’attività dell’Associazione Piano Fvg e del Distretto Culturale del Friuli Venezia Giulia. Per prenotazione dei posti: mailto info@pianofvg.eu o tel 392 3293266.

L’Orchestra di Massimo Belli.

TRIESTE – Per vivere lo spirito natalizio, domani 14 dicembre alle 18 alla Lega Navale di Trieste una serata di musica e parole con il Coro di voci bianche “Fran Venturini”, una realtà di Domio che riunisce giovanissimi provenienti da Trieste e provincia diretti da Susanna Zeriali, pluripremiata Direttice che da quasi 40 anni cura questa realtà musicale, abituata a cantare in varie lingue pagine di repertorio classico e pagine popolari. Il concerto, realizzato in collaborazione con Chamber Music Trieste, prevede pagine in lingua inglese, tedesca, slovena, italiana, russa, ceca e croata, accanto a Mozart e Delibes, oltre al classico canto natalizio per antonomasia “White Christmas” di Irving Berlin. Un’occasione per immergersi nelle festività accompagnati da questi bambini dai 6 ai 14 anni che nel 2019 hanno ottenuto Primi Premi ai Concorsi di Capodistria, Riccione e sulle rive del Lago di Garda. L’ingresso è aperto a tutti. Il coro di voci bianche Fran Venturini di Domio, nato nel 1982 nell’ambito dell’omonimo circolo culturale, unisce bambini dai 6 ai 14 anni d’età provenienti dalla Provincia di Trieste. Il repertorio del coro comprende pagine di autori sloveni, canzoni popolari, composizioni corali moderne slovene, italiane e straniere. Ogni anno partecipa alla rassegna Nativitas, organizzata dall’Usci Friuli Venezia-Giulia.

Il Coro “Fran Venturini”.

UDINE – Anche quest’anno Homepage Festival – la manifestazione giunta alla sua dodicesima edizione che fa della musica il suo cuore pulsante – propone un workshop musicale su “Il suono del sax dall’acustico all’elettrico”. In collaborazione con Gianni Rojatti, domenica 15 dicembre, dalle 15.30 alle 17.30 ,alla Music Academy di Via Daniele Manin 6 a Udine, si terrà un laboratorio di suono e creatività tenuto da Marco Scipione (sax) e Daniel Fasano (batteria), due strumentisti di spicco della scena italiana. Sassofonista vicino al Jazz più colto e assieme disinibito il primo, Rocker verace e sperimentatore il secondo, Scipione e Fasano hanno dato vita a un progetto che travalica ogni possibile categorizzazione stilistica a favore di una ricerca sonora e di groove unica. Un Workshop rivolto a musicisti, compositori e produttori curiosi di assistere ed essere partecipi di un processo che coniuga consapevolezza tecnica ed estro improvvisativo. I due ospiti spiegheranno ai partecipanti come approcciare il mondo dell’effettistica partendo dal suono naturale dello strumento, in un percorso di ricerca e consapevolezza sonora spendibile per ogni strumento. Racconteranno inoltre l’utilizzo degli effetti in contesto live: cosa portare sul palco e come utilizzarlo al meglio. Ingresso gratuito, prenotazioni su: http://bit.ly/HomepageFestival-BeyondTheSound

Daniel Fasano

—^—

In copertina e all’interno ecco i quattro pianoforti in concerto.

Hits: 56

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento