Hits: 35

(g.l.) E ora Grado, per puntare alla ripresa e al rilancio, dopo i gravi danni causati dalla pandemia, pensa anche a un ritorno al passato recuperando uno dei suoi simboli più amati e conosciuti. Nato negli anni Venti del secolo scorso, il trampolino per i tuffi era diventato, infatti, uno dei richiami più gettonati dell’Isola del Sole. Però, a causa dei bassi fondali e di una mancata manutenzione, già dagli anni ‘80 il trampolino non era più utilizzabile come un tempo. Probabilmente, in quel periodo storico, nessuno si accorse che era l’unico trampolino al mondo che si sarebbe dovuto essere conservare come simbolo della cultura sportiva e balneare gradese. Poi, il giorno 31 ottobre 2012, il mare se l’è “inghiottito” facendolo crollare e scomparire per sempre a causa dello scirocco sostenuto.
«Gradesi e ospiti sono cresciuti su un’Isola che offriva davvero tanto – dice il presidente del Consorzio Grado Turismo, Thomas Soyer -. Degli anni ‘60, ‘70 e ‘80, a molti restano tanti piacevoli ricordi: estati indimenticabili, l’atmosfera, l’aria vibrante di un’Isola vivace. Purtroppo, parecchi di questi pensieri, memorie e piccoli dettagli stanno sparendo irrimediabilmente negli ultimi anni, come è scomparso il trampolino. Ora, un bel progetto firmato dallo studio Architect and Friends dell’architetto Michael Atzenhofer, prevede di riportare a Grado uno sport tipico del mare: il nuoto. La nuova piattaforma per i tuffi rappresenta solo una parte dell’idea complessiva: come in una piscina, le corsie virtuali di nuoto iniziano alla fine del molo con dei trampolini bassi e si estendono in mare aperto fino al punto in cui si trovava il vecchio trampolino. Le linee delle “corsie” di nuoto modellano la struttura della nuova torre e formano le varie parti: la piattaforma, un trampolino alto, due bassi e un sundeck (prendisole). Le linee nette fanno sembrare il trampolino elegante e leggero, ma allo stesso tempo offrono la sicurezza necessaria per rappresentare un punto focale per i nuotatori in mare aperto. La struttura può essere progettata in modo flessibile, tale da adattarsi alle maree e può essere trasportata in porto d’inverno. Alla sera, appena gli ultimi bagnanti avranno lasciato la torre, la natura se la riprenderà. La forma elegante fa apparire le singole parti come uccelli che rimangono nell’acqua, in compagnia di quelli, numerosi, che già frequentano la laguna gradese circostante. Ci pare – conclude il presidente Soyer – una valida proposta capace di creare un nuovo simbolo per la cultura balneare di Grado, innovando le antiche atmosfere. Un’idea che si può condividere e commentare scrivendo a: info@consorziogradoturismo.org».

—^—

In copertina il vecchio trampolino negli anni Trenta e qui sopra il rendering del progetto dell’architetto Michael Atzenhofer.

, , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento