di Gi Elle

Se c’è un’etichetta che ha segnato la storia del vino in Friuli, non ci sono dubbi: è quella della inconfondibile carta geografica ideata più di sessant’anni fa dall’indimenticabile Livio Felluga, scomparso nel 2016 alla bellissima età di 102 anni. E il 15 marzo prenderà il via la seconda edizione della rassegna d’autore intitolata “I Colloqui dell’Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga”.
Gli incontri d’autore nascono grazie alla sinergia fra la Fondazione Abbazia di Rosazzo e l’azienda Livio Felluga che dal 1956 ha appunto come etichetta l’inconfondibile carta geografica, a significare il forte legame fra il vino e il suo territorio di vocazione. Al grande Livio, istriano di Isola trapiantato in Friuli, si deve infatti il riscatto delle splendide colline di Rosazzo, ormai in preda all’abbandono e al degrado, che ridiventarono un’area viticola fra le più prestigiose della nostra regione. E come contraddistinguere gli splendidi vini ottenuti su queste terre elette, oggi premiate dalla Docg, se non con  un’etichetta originale, facilmente riconoscibile e memorizzabile? Ed ecco l’idea geniale del patriarca del vino friulano: una storica carta geografica che avesse al centro proprio Rosazzo e la vicina Brazzano di Cormons, dove ha sede l’azienda. Il successo di questa intuizione fu immediato. E anche oggi  l’etichetta continua a essere – e lo sarà sempre perché i suoi figli non hanno alcuna intenzione di rinunciarvi – una delle immagini più qualificanti del Vigneto Fvg.

Livio Felluga con la sua “creatura”. 

Ma torniamo alla rassegna che ha come fulcro proprio la storica abbazia rosacense. Curata e condotta dalla giornalista Margherita Reguitti, proporrà l’incontro e il confronto con il pubblico di scrittori e giornalisti, esploratori e intellettuali che, con i propri libri, racconteranno esperienze di viaggio tra passato e presente, vissute in prima persona o attraverso i protagonisti dei loro racconti.
La manifestazione, ospitata nella sala delle Palme, prenderà il via appunto venerdì 15 marzo – alle 18, come tutti gli altri appuntamenti – con l’autore  Angelo Floramo che presenterà il suo ultimo romanzo “La veglia di Ljuba” (Bottega Errante Edizioni); seguirà il  29 in anteprima nazionale la presentazione del nuovo romanzo di Paolo Maurensig dal titolo “Il gioco degli dei” (Einaudi). Il 5 aprile sarà poi protagonista la scrittrice Antonella Sbuelz con il romanzo “La ragazza di Chagall”, mentre il 10 maggio il viaggio si spingerà nelle fredde terre dei ghiacciai con Marzio Mian, autore di “Artico: la battaglia per il grande nord”, presente il giornalista Tony Capuozzo.

La rassegna proseguirà anche nei mesi successivi secondo un calendario in fase di definizione. Ogni incontro, a ingresso libero, si concluderà con un brindisi con i famosi vini ovviamente della cantina Livio Felluga. La rassegna, è realizzata in collaborazione con Mibact, Biblioteca Statale Isontina, Associazione culturale Vigne Museum e il Comune di Manzano. Informazioni sui siti: www.abbaziadirosazzo.it e http://www.liviofelluga.it

Ecco la prima etichetta ideata nell’ormai lontano 1956.

—^—

In copertina, l’abbazia di Rosazzo circondata dai vigneti oggi tutelati dalla Docg. (Foto Luigi Vitale) 

, , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento