di Gi Elle

L’eterno conflitto tra i vizi e le virtù, declamato nel titolo “Pugna Animae”, sarà il filo conduttore di “Medioevo a Valvasone”, la bellissima rievocazione storica che viene riproposta ogni anno nei primi giorni di settembre e che è giunta alla 27ma edizione. Una festa che segna già un “tutto esaurito” che inorgoglisce gli organizzatori: la cena medioevale. Nell’antica cittadina in riva al Tagliamento, uno dei Borghi più belli d’Italia, tutto è pronto infatti per la manifestazione organizzata dal Grup Artistic Furlan con il patrocinio del Comune di Valvasone Arzene, il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli, nonché con il contributo di E.ON Energia, Despar Nordest e Friulovest Banca.

La grande festa medioevale si terrà dalla sera di venerdì 6 settembre a domenica 8 e riproporrà i suoi momenti tradizionali come la cena medievale del sabato, la rappresentazione drammatica durante le tre giornate e la fiera medievale con artigiani alle prese con antichi mestieri. In più, taverne con i sapori dell’Età di Mezzo, soldati e dame, tamburini e sbandieratori per un programma con oltre mille figuranti in costume d’epoca, capace di richiamare migliaia di persone. Tutto, dallo spettacolo principale, al menù della cena medievale, alla scelta delle animazioni e alla caratterizzazione degli allestimenti scenografici nel borgo sarà ispirato al tema, tra salvezza e dannazione.
Riconfermato anche il sabato pomeriggio dedicato alle famiglie con attrazioni e giochi per i più piccoli, mentre non mancheranno gli animali da cortile, gli spettacoli a cavallo, le dimostrazioni di rapaci e i combattimenti. Tra le novità, la collaborazione con nuovi gruppi di artigiani e mestieri medievali di Santa Lucia di Piave e Cittadella, i quali allestiranno per le vie del borgo villaggi medievali e ulteriori banchi artigianali. Ad intrattenere i visitatori anche gruppi d’artisti provenienti da Francia e Spagna e, novità di questa edizione, la giostra a piedi, dove si batteranno valorosi fanti.

Gli intervenuti alla presentazione.

La rievocazione storica è stata presentata ieri ufficialmente nel teatrino dei Conti nel Castello di Valvasone (uno dei più piccoli d’Italia). Il sindaco Markus Maurmair ha sottolineato quanto ogni anno sia bello vedere così tanto entusiasmo da parte della comunità nel preparare questa manifestazione che ha la caratteristica di riuscire a coinvolgere tanti giovani e come “Medioevo a Valvasone” sia il biglietto da visita per l’intera comunità.
Presente anche l’assessore regionale alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, il quale ha sottolineato come la rievocazione valvasonese sia un evento che raggiunge da anni moltissimi visitatori da fuori regione, ma grazie alla passione ed energia che i volontari riescono a trasmettere, ha osservato come sia anche un “generatore di welfare sociale”. Per l’assessore “il patrimonio materiale e immateriale di Valvasone è una di quelle tappe irrinunciabili nel quadro di una nuova offerta che l’amministrazione regionale sta impostando per intercettare il cambio di abitudini turistiche che chiedono pacchetti integrati in grado di far conoscere tutte le bellezze del ‘villaggio turistico del Friuli Venezia Giulia’”.

Sandra Bono, presidente del Grup Artistic Furlan, associazione organizzatrice dell’evento, illustrando poi  il programma, ha ricordato l’atmosfera magica del venerdì sera, la riproposizione anche quest’anno del sabato pomeriggio per le famiglie. Inoltre, ha reso noto che la cena medievale ha registrato – come si diceva – il tutto esaurito già quindici giorni prima dell’evento: ben 312 commensali potranno cenare alla tavola del conte, ad un banchetto in cui trionferà la contrapposizione di dolce e salato, sabato 7 sera nel chiostro del Convento dei Serviti. Ma chi vorrà mangiare nel borgo non deve temere: è stata aumentata l’offerta di taverne medievali per tutti (in totale saranno dodici). “Infatti, quest’anno – ha aggiunto Bono – si è aggiunta una nuova taverna per garantire una maggiore offerta e servizio ai numerosi visitatori della manifestazione. Anche il mercato cresce nel numero di artigiani (oltre un centinaio) e, novità di quest’anno, saranno allestiti due villaggi medievali grazie alla collaborazione che abbiamo avviato con i gruppi di Cittadella e Santa Lucia di Piave, i quali ci mostreranno proprio il modus vivendi medievale”.
Luca Altavilla, direttore artistico della rievocazione, ha quindi spiegato il lavoro filologico alla base della rappresentazione teatrale che nei tre giorni ripercorrerà il testo della Psychomachia di Prudenzio, un poema che per primo racconta allegoricamente la battaglia tra i vizi e le virtù, “ testo – ha ricordato Altavilla – che in molte pagine risulta estremamente attuale e che prenderà vita grazie alla rappresentazione del Teatro dei Misteri”. Altavilla ha anche anticipato alcune importanti novità per quanto riguarda i gruppi di spettacolo. “Quest’anno avremo gruppi di animazione provenienti da Spagna e Francia – ha annunciato -, lo strumentista di arpa celtica di caratura internazionale Adriano Sangineto”.

Fondamentale il supporto degli sponsor della rievocazione. Giuseppe Morandini, presidente della Fondazione Friuli, ha sottolineato come non solo la rievocazione, ma l’intero borgo di Valvasone genera valore con la bellezza dei suoi luoghi. Lino Mian, presidente di Friulovest Banca, sponsor fin dagli esordi di Medioevo a Valvasone , ha rimarcato come questa kermesse dia slancio a tutta la regione e il merito va soprattutto ai tanti volontari che si impegnano per la sua buona riuscita.
Sul palco anche Luca Franzoni, direttore commerciale di E.ON Energia, accompagnato da Flavia Tamburini Permunian e Tiziana Pituelli, responsabile marketign di Despar Nordest, due nuovi main sponsor. “Valori come tradizione, cibo e territorio – ha ricordato Pituelli – presenti nella rievocazione valvasonese, sono valori fondamentali anche per Despar e per questo siamo felici di sostenere, per la prima volta, questo evento”. “Oltre ad una cornice meravigliosa – ha sottolineato Luca Franzoni -, ci piace sostenere una manifestazione in cui sono impegnati tanti volontari. La location è davvero bellissima, Valvasone è un paese dove si respira rispetto per il territorio e per l’ambiente”.
La conferenza stampa è stata presentata da Stefano Padovan, del Comune di Valvasone Arzene. Sul palco anche alcuni figuranti medievali che hanno contribuito a ricreare già l’atmosfera dell’Età di Mezzo che si respirerà nel borgo il prossimo fine settimana.
Con 150 spettacoli in programma, oltre un centinaio di figuranti e un migliaio di volontari impegnati nella sua organizzazione, “Medioevo a Valvasone” è pronta ad accogliere anche quest’anno migliaia di visitatori che raggiungeranno il borgo castellano desiderosi di vivere un’esperienza unica nell’Età di Mezzo.

Sbandieratori in piazza a Valvasone.

L’evento organizzato dal Grup Artistic Furlan con il patrocinio del Comune di Valvasone Arzene e il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli, Turismo Fvg, con il contributo di E.ON Energia e Despar Nordest – Aspiag Service.
Contributori e Partner. Il Medioevo a Valvasone è stato realizzato con il sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Turismo FVG, Comune di Valvasone e Fondazione Friuli. Main sponsor dell’evento E.ON Energia e Despar Nordest.
Si ringrazia anche per il contributo: Friulovest Banca, Sina, I Magredi, DiVino Ristorante Pizzeria, Ambiente e Servizi, Bft Burzoni Utensileria Meccanica, Premiata Distilleria Pagura, Vi-TEchnik, Ceda snc di Burelli e Deotto, Friul Mosaic, Estetica Glamour, La Cerveceria, Eps, Di.Cart Ingrosso e dettaglio, Piolo Max Piccolo Liquorificio Artigianale in Trieste, IdroService, Grave di San Gaetano, Eredi Querin, Cofiloc, GFP, Salumi del Norcino, Emainox, Assiter di Michele Donati. Partner della menifestazione: Pavan&Chiarcossi, Banca della Marca, Panificio Poniz, RR Disinfest, Pizza Roncadin, Viteria 2000, Mauracher, Cpe Costuzione Pordenonese estintori, La Bottega del Tappezziere, Circolo Agrario Friulano, Dolomia, Eurobevande, AutoAlex, Scavi speciali Co.Ma.S.S.
Un ringraziamento per la collaborazione va inoltre alle associazioni di Valvasone, Parrocchia SS. Corpo di Cristo, Protezione Civile, Istituti Scolastici di Arzene, San Martino al Tagliamento e Valvasone, attività produttive e commerciali, la popolazione di Valvasone e i tanti volontari che si adoperano alla buona riuscita della manifestazione.
Informazioni. Sul sito dell’associazione (www.medioevoavalvasone.it) si potranno trovare tutte le informazioni utili (news, immagini, come aderire e molto altro). È inoltre attivo il numero per le informazioni generali 3466200406.

—^—

In copertina, passata edizione della cena medioevale: è già tutto esaurito.

Hits: 64

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento