Due interessanti appuntamenti teatrali sono in programma tra oggi e domani a Pordenone e a Passons, frazione di Pasian di Prato alle porte di Udine. Ecco, di seguito, qualcosa di più su queste proposte che rappresentano entrambe attesi debutti sulle scene.

Le ultime Primizie

PORDENONE – Un’anteprima assoluta con l’immortale “Aspettando Godot” interpretato da clown: ultimo appuntamento oggi, 12 agosto, nell’Oasi di via Selvatico a Pordenone per la rassegna “Le Primizie de L’Arlecchino Errante” della Scuola sperimentale dell’Attore, alle 19, con l’opera di Samuel Beckett. Ma il progetto contenitore “di Mercoledì alle 19” proseguirà poi dal 19 agosto con i “Teatri nel Giardino del Mondo”, al parco della Madonna Pellegrina fino al 2 settembre.  Realizzato dalla Compagnia Hellequin, lo spettacolo è nuovo. “È nato a giugno – spiega Ferruccio Merisi, presidente della Scuola -, in due puntate, come diretta Facebook. Da quel primo nucleo, è stato elaborato uno spettacolo molto intrigante che cambia a seconda dell’ambientazione: nell’Oasi di via Selvatico, la facciata liberty dell’ex asilo diventerà parte stessa della scenografia. Salvo qualche espediente di traduzione più incisiva, il testo di Beckett è rispettato fino in fondo: in un’oretta, tutta la parte centrale, tutta l’essenza di uno dei più grandi testi del ‘900 riesce ad arrivare a tutti, compresi i bambini”.
Lo spettacolo, come detto, andrà in scena oggi, alle 19, all’Oasi di via Selvatico, che sempre più rivela il suo genius loci di incubatore di umanità e produttività. Per prenotazioni, richieste di invito, proposte, telefonare al 340.9330447. La sede di via Selvatico, messa a disposizione con convenzione dal Comune di Pordenone, è uno spazio diventato una vera e propria Oasi teatrale estiva. Per la Scuola Sperimentale dell’Attore, in questo periodo, c’è anche l’impegno nella piccola arena bambini di piazza XX Settembre, organizzata dalla civica amministrazione. Ogni giovedì, fino al 20 agosto, una favola breve e bella, alle ore 18, 19, 21.

“Labirinto Madre”

PASIAN DI PRATO – Un viaggio nel Seicento, fra antichi saperi frutto di un’esperienza secolare e accuse di stregoneria, con la grande peste del 1630 sullo sfondo: debutta domani 13 agosto, alle 20.30, nell’Arena del Parco Azzurro di Passons, “Labirinto Madre. Storia di una herbaria smemorata per teatro e chitarra”, spettacolo di teatro e musica dal vivo ideato e scritto da Federica Sansevero, presidente dell’associazione Teatro del Silenzio di Udine. Allestita in collaborazione con La Compagnia dei Riservati di Reana del Rojale, la performance vedrà in scena la stessa Sansevero con Sonia Cossettini, Ivan Buttazzoni, Pietro Sell e gli attori del Laboratorio di drammaturgia bioenergetica, Mario Bodini, Elisa Modonutti, Silvia Loschi, Cristina Atena, Cristina Vanone, Sara Sell. Alcuni degli interpreti indosseranno suggestive maschere realizzate dall’associazione I Mascarars di Tarcint. Le musiche sono di Cristina Spadotto.
L’opera, che segna la continuazione della lunga ricerca di Federica Sansevero e del Teatro del Silenzio sul tema del femminile, racconta il pellegrinaggio a stazioni di Margot, una herbaria – ovvero una donna esperta nelle cure con le erbe – di Grado accusata di stregoneria, e di Bernardo, illuminato contadino di Tissano. L’azione scenica si svolge prevalentemente nella notte di San Giovanni del 1630, stagliandosi sullo sfondo della terribile pestilenza che imperversò in quell’anno.
In caso di maltempo lo spettacolo, a ingresso libero, verrà rinviato a data da destinarsi.
Una replica è poi prevista per il 21 agosto, sempre alle 20.30, a Villa Elodia a Trivignano Udinese: nell’eventualità di pioggia, verrà rinviata al giorno successivo.

—^—

In copertina, attori-clown pordenonesi e qui sopra la maschera di Labirinto Madre.

Hits: 70

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento