Hits: 86

Ancora poche ore e poi torna a Udine, lì dov’è nato 30 anni fa. Domani, il festival musicale Udin&Jazz si appresta a rientrare nel capoluogo friulano, per una speciale edizione. Si chiamerà infatti “Udin&Jazz Winter”, è organizzato dall’Associazione culturale Euritmica e gode del sostegno di Regione Fvg, Fondazione Friuli, Banca di Udine e Reale Mutua Assicurazioni Udine Franz&Dilena. L’appuntamento è dal 28 al 31 maggio, al Teatro Palamostre. Nel 2020 il Festival ha compiuto 30 anni, ma l’emergenza sanitaria ha impedito di celebrarne la ricorrenza in dicembre, obbligando Euritmica a rinviarla più volte. E ora, in primavera avanzata, è arrivato il momento: le recenti disposizioni che consentono la riapertura dei teatri, seppur con una capienza ridotta e con orari inusuali, permetteranno alla grande musica jazz di ritornare a Udine.

Claudio Cojaniz e Franco Feruglio

«Udin&Jazz è nato qui, trent’anni fa, e questa è sempre stata la sua casa. Siamo orgogliosi di riportare il “nostro” jazz nel capoluogo friulano, da dove non se ne sarebbe mai voluto andare. Lo facciamo forti della nostra indipendenza e con l’orgoglio di riportare la grande musica jazz a Udine», commenta il presidente di Euritmica e direttore artistico di Udin&Jazz, Giancarlo Velliscig, aggiungendo: «Il jazz è un genere musicale, certo. Ma è anche l’espressione di un percorso culturale e sociale; negli anni, il nostro festival ha fatto entrare Udine nei circuiti musicali internazionali divenendo meta ambita e conosciuta per grandi artisti provenienti da tutto il mondo».
Durante la presentazione del festival, il presidente della Fondazione Friuli, Giuseppe Morandini, ha salutato così l’iniziativa: «Dobbiamo tutti essere grati a Euritmica per avere negli anni avuto la sensibilità di avvicinare tante persone alla musica e al jazz in particolare. Da questa parte della curva il tifo è sempre per voi». E se in passato Euritmica ha abituato il Friuli ai grandi nomi della musica internazionale, per questa grande ripartenza – Udin&Jazz Winter sarà il primo festival ad andare in scena in regione dopo l’annuncio della riapertura dei teatri – l’associazione culturale udinese presenterà un palinsesto delle grandi occasioni, proponendo i big del jazz italiano accanto a nuove e storiche realtà del jazz regionale e friulano, che come sempre intende promuovere e valorizzare.
«Un’iniziativa epocale», ha definito questa prima edizione il conduttore radiofonico di Radio 1 Rai, media partner ufficiale del festival, Max De Tomassi. «Ho pensato a una crasi per descrivere la coraggiosa scelta di Euritmica; una crasi tra “winter”, la stagione in cui questo festival si sarebbe dovuto svolgere e “spring”, la stagione che stiamo vivendo. Nasce quindi “wings”, ali pronte a spiccare il volo, ben rappresentate nel logo scelto per questo festival».

Valerio Marchi

Il programma sarà dunque un alternarsi tra produzioni nazionali e di respiro internazionale e produzioni locali. Una scelta apprezzata dal giornalista e critico musicale Gerlando Gatto, del portale nazionale “A proposito di jazz”. «Di Euritmica – dice – trovo necessario sottolineare la bravura nel voler sempre inserire esponenti del jazz locale e giovani talenti».
Il debutto sarà, infatti, affidato ad una produzione di Euritmica: venerdì 28 maggio, dopo l’inaugurazione del Festival nella sala Carmelo Bene del Teatro Palamostre, andrà in scena in prima assoluta lo spettacolo “John Coltrane – Un amore supremo: una Musica tra Terra e Cielo”. I testi dello storico e drammaturgo Valerio Marchi – le voci recitanti sono quelle dello stesso Marchi e dell’attrice Nicoletta Oscuro (che sostituisce momentaneamente Claudia Grimaz) – si alterneranno ai brani più noti del repertorio coltraniano riproposti dal trio Bearzatti-Colussi-Rinaldi, ripercorrendo la complessa parabola umana e artistica del mitico musicista attraverso lo sguardo delle donne della sua vita. Lo spettacolo, come annunciato ieri, sarà presentato oggi in anteprima al Teatro Pasolini di Cervignano.

Enrico Rava

Sabato 29 sarà la grande serata di Enrico Rava, amico di vecchia data di Euritmica e musicista intenso e raffinato che ha suonato in tutto il mondo e che, per una sera, porterà tutto il suo mondo a Udine. Un regalo che in tempi di restrizioni permetterà al pubblico friulano di aprirsi ad un indimenticabile viaggio nelle sonorità essenziali di un musicista che ha fatto e sta facendo la storia del jazz italiano. Rava si esibirà a Udine in “Special edition”, un regalo nel regalo, per il pubblico di Udin&Jazz, visto che questa formazione è nata il 20 agosto del 2019 in occasione del suo 80esimo compleanno, raggruppando i musicisti che più gli sono stati vicino negli ultimi anni, per rivisitare i brani più significativi della sua carriera secondo un mood assolutamente attuale. Ad accompagnarlo sul palco ci saranno dunque il nostro Francesco Bearzatti al sax tenore, Francesco Diodati alla chitarra, Giovanni Guidi al pianoforte, Gabriele Evangelista al contrabbasso ed Enrico Morello alla batteria. Per un pubblico che non può viaggiare per i concerti, sarà un vero dono poter ascoltare le magiche sonorità che Rava sa esprimere dopo anni di esperienze internazionali, a partire dal lungo periodo newyorchese dove incontrò e collaborò con artisti come Roswell Rudd, Carla Bley, John Abercrombie, Cecil Taylor, tra i tanti.

Roberto Gatto

niko2610@gmail.com

Doppio appuntamento domenica 30 maggio: alle 18.30, sul palco del Palamostre, saliranno Claudio Cojaniz e Franco Feruglio, due tra i massimi esponenti della scena jazz e blues regionale. Contrabbasso e pianoforte i loro strumenti che come sempre, con eleganza ed energia, useranno per trascinare il pubblico nella loro avventura musicale fatta di passione, intensità e ruvida nostalgia. Alle 20, secondo appuntamento della serata: l’eclettico batterista Roberto Gatto guiderà la sua band spingendosi a rileggere in chiave jazz il mondo ammaliante ed affascinante del progressive. Anche in questo caso il pubblico udinese avrà l’occasione di viaggiare in una musica globale, lasciandosi travolgere dalle sonorità del jazz di fronte alla creatività sperimentale dei vari Genesis, King Crimson, Curved Air, Jethro Tull, Yes, solo per citarne alcuni.
Anche lunedì 31 maggio, giornata conclusiva della prima edizione di Udin&Jazz Winter, doppio appuntamento. Anche in questo caso, salirà sul palco una formazione totalmente friulana: sarà l’Udin&Jazz Ensemble (formazione di 12 elementi, emanazione della omonima resident Big Band del Festival, nata qualche anno fa) a scaldare il pubblico a partire dalle 18.30 con una produzione originale e un repertorio composto per l’occasione dai musicisti Mirko Cisilino, Emanuele Filippi e Max Ravanello. Questo nuovo progetto trasforma l’organico iniziale, incorporando strumenti di tradizione classica come corno, tuba e ance di varia natura. Il repertorio originale è un tributo al patrimonio culturale della regione friulana, ispirandosi ai nostri luoghi così come alle produzioni letterarie e poetiche di importanti voci del territorio. Alle 20 un altro straordinario protagonista del jazz italiano: torna a Udin&Jazz Fabrizio Bosso, questa volta con il progetto del tutto inedito “LIFT HIM UP 4et” che promette autentiche scintille ed emozione. Un gran finale con un repertorio che spazierà dalla rielaborazione di standard a brani autografi dello stesso Bosso e del pianista Dario Carnovale, sul palco assieme al contrabbassista Simone Serafini e al batterista Klemens Marktl.

Lift Him Up

«Quello di questa prima edizione di Udin&Jazz Winter è un programma di alta qualità, pensato per soddisfare il bisogno di jazz di chi lo ascolta e di chi lo suona, dopo tanto tempo trascorso senza la possibilità di ascoltare questa meravigliosa musica dal vivo. La manifestazione, in un’auspicata prossima “normalità”, sarà un appuntamento stabile invernale, e non poteva esserci modo migliore per riprendere il filo di un discorso che riporterà il grande jazz a Udine, per i suoi cittadini e appassionati, in assoluta coerenza ed autonomia di pensiero e di risorse», conclude Velliscig.
Durante il festival sarà visitabile, sempre al Teatro Palamostre di Udine, la mostra che ripercorre i 30 anni di Udin&Jazz attraverso i ritratti delle star del jazz mondiale che qui si sono esibite, immortalate dai fotografi dell’AFIJ, Associazione Fotografi Italiani di Jazz e curata da Luca d’Agostino.

Dario Carnovale

Luca d’Agostino/Phocus Agency © 2014

—^—

In copertina, il logo della quattro giorni musicale al via domani a Udine.

Latest Posts from FriuliVG.com

Lascia un commento