Views: 82

La Regione Fvg ha investito in questi anni molte risorse sia sulla spiaggia che sul retrospiaggia, per le terme e i parcheggi con un contributo significativo che trova conferma nei numeri quasi a doppia cifra della crescita delle presenze: il 2023 è stato l’anno record del turismo a Grado, che ha visto le presenze aumentare del +9,4% rispetto al 2022. In un Friuli Venezia Giulia che nel corso del 2023 ha toccato per la prima volta quota 10 milioni di presenze turistiche, Grado svolge quindi un ruolo di primaria importanza, registrando da sola oltre 1 milione e 427 mila presenze. Lo ha sottolineato ieri, primo maggio, l’assessore regionale alle Attività produttive e Turismo alla tradizionale inaugurazione della stagione balneare dell’Isola d’oro, a cui è intervenuto anche in rappresentanza del governatore, assieme agli assessori alla Difesa dell’Ambiente, delle Infrastrutture e del Lavoro, presente anche la viceministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica.

(Foto Regione Fvg)

Limitatamente al periodo maggio-settembre, Grado ha fatto registrare un aumento delle presenze del 6,1% rispetto allo stesso periodo del 2022. Ma la performance è stata ottima durante tutto l’anno e per certi versi migliore nei periodi extra estivi, un dato che, è stato sottolineato nel corso dell’inaugurazione, è confortante in un’ottica di destagionalizzazione. Se confrontate con il 2022, le presenze nell’Isola del sole sono cresciute del 9,4% (in totale oltre 1 milione e 427 mila presenze), registrando un aumento sia di turisti stranieri (+9%) sia di italiani (+10,8%). Molto significativo nel post Covid è stato l’aumento dei turisti tedeschi (+11%) e dell’Est Europa (solo per citare alcuni esempi, Ungheria +38,3%; Slovacchia +26,6%; Rep. Ceca +57,2%). Oltre alle novità per il servizio, illustrate dal presidente della Git, è stato il commissario straordinario a ragguagliare sullo stato dei principali temi che riguardano Grado, tra cui il nodo del rinnovo delle concessioni.
Sullo stato avanzamento lavori alle Terme marine sono in corso le attività di progettazione del nuovo lotto funzionale che metterà a disposizione della clientela turistica una variegata serie di servizi a partire dalla stagione estiva 2025. Si tratta di realizzare, nell’ambito del primo piano della rinnovata struttura termale, palestra, fitness, beauty center, saune, bar con accesso dall’esterno e piccolo spazio acqueo, e altro ancora, il tutto in attesa di ampliare la struttura per realizzare le nuove piscine e rendere così attraente e funzionale tutto il nuovo Polo termale. L’investimento previsto è di poco inferiore a 5 milioni di euro ed il bando di realizzazione verrà pubblicato entro giugno 2024. Comprendendo anche il programmato ampliamento della struttura, lo stanziamento complessivo da parte della Regione Fvg per le Terme di Grado ammonta a circa 29 milioni di euro (27,8 Nuove Terme + 1,2 diritto di superficie Terme).
Per quanto riguarda gli interventi Git, nell’ultima legge di Stabilità è stato stanziato 1 milione di euro per alcuni interventi sulla spiaggia. Tra i più urgenti, quelli che consentiranno di rinnovare buona parte dei servizi igienici esistenti (Solarium e ingresso numero 7) e di ripristinare alcune strutture particolarmente vetuste (Palazzina antiche terme). I lavori partiranno alla fine della stagione estiva e si concluderanno entro la primavera 2025.
Al termine della cerimonia di inaugurazione si è tenuto nel salone principale delle terme il vernissage della mostra di opere d’arte “La bellezza delle donne” con l’apertura ufficiale all’ingresso principale della spiaggia del Centro visite DiscoverAquileia. Realizzato da Fondazione Aquileia e Git Grado, ha come partner tra gli altri PromoTurismoFvg, e sarà aperto a maggio nei fine settimana (9-20), a giugno, luglio e agosto nei festivi e nei fine settimana dalle 9 alle 23 e nei feriali dalle 17 alle 23.

—^—

In copertina, un’immagine del porto mandracchio di Grado; all’interno, l’inaugurazione della nuova stagione turistica avvenuta ieri mattina.

, , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com