Visits: 66

di Giuseppe Longo

PORDENONE – Tutto Beethoven per sette giovani pianisti, la sera di Santa Lucia a Pordenone, con l’accompagnamento della Fvg Orchestra all’auditorium “Concordia”. Un concerto di grande successo, applaudito da un folto pubblico che vi ha assistito entusiasta, e che ha visto la conclusione pubblica della prima masterclass dell’Alpe Adria Music Institute. Sul palco, accompagnati dalla Sinfonica del Friuli Venezia Giulia diretta da Paolo Paroni – che ieri sera è stata protagonista della prima, riuscitissima, serata gospel al Teatro di Palmanova – i musicisti che hanno appena concluso questo tirocinio iniziale di Aami dedicato all’esecuzione di musiche per pianoforte solista e orchestra. E i brani scelti erano appunto tutti di Ludwig van Beethoven.

Gli allievi – presentati da Cristian Carrara, presidente dell’Alpe Adria Music Institute – hanno infatti suonato il primo e il terzo Concerto per pianoforte e orchestra del Genio di Bonn, per cui si sono avvicendati al gran coda: Filippo Alberto Rosso, Marco Stallone e Andrea Furlan, che hanno proposto l’Allegro con brio, il Largo e il Rondò allegro scherzando del concerto n. 1 in Do maggiore op.15, mentre Angelo Nasuto con Matteo Perlin, Aleandro Giuseppe Libano ed Elisa Milo hanno eseguito i medesimi movimenti del concerto n. 3 in Do minore, op. 37. Applausi scroscianti soltanto al termine di ogni sezione e soprattutto quando tutti i giovani pianisti si sono ritrovati sul palco per ricevere le attestazioni di consenso che hanno concluso la brillante serata. Ma i sette talenti erano stati applauditi anche durante le due prove aperte di lunedì e martedì che, sempre al “Concordia”, erano state dirette dal maestro Pasquale Iannone.
Ricordiamo che i prossimi corsi in programma di Aami – come è stato annunciato anche durante la serata pordenonese – sono la Composition Masterclass 2024 e la Conducting Masterclass 2024 che si terranno tra la primavera e l’autunno del prossimo anno e che saranno dedicati alla composizione e alla scrittura per orchestra e all’arte della direzione d’orchestra. Il tutto sempre con la collaborazione della Sinfonica regionale che è partner ufficiale di questa nuova importante realtà musicale in Friuli Venezia Giulia.
Come ricordavamo pochi giorni fa presentando l’originale iniziativa, per gli allievi, selezionati tra i più promettenti giovani pianisti italiani e stranieri, si tratta di un’opportunità eccezionale perché, a differenza di quanto accade in altri Paesi europei o negli Stati Uniti, in Italia è un’esperienza rarissima, per strumentisti e compositori, potersi perfezionare in presenza con un’orchestra sinfonica, sperimentando le particolarissime dinamiche che si instaurano tra compositori, direttori, solisti e l’orchestra stessa e imparare a valorizzare i propri talenti artistici nelle performance camerali e orchestrali. Il progetto, ricordavamo inoltre, prevede di ospitare musicisti di eccellenza provenienti da tutta Italia e dall’estero, rendendo Pordenone – città sempre più sotto i riflettori per le sue brillanti attività culturali – un punto di riferimento nazionale per l’alta formazione musicale. Per questa ragione Aami gode del sostegno del Comune di Pordenone e della Fondazione Friuli e, assieme alla Fondazione Bon di Colugna che è partner del progetto, entra nel novero di alcune associazioni culturali regionali che promuovono la formazione sostenute dalla Regione Fvg.
Ma torniamo alla Fvg Orchestra che, dopo il grande successo ottenuto appunto ieri sera a Palmanova, proporrà domani nel Duomo di Porcia, alle 21, il secondo dei quattro concerti di “A Symphonic Gospel Christmas”, protagonisti con la Sinfonica regionale, diretta dal maestro Paroni, Leslie Sackeyvoce solista, The NuVoices Project e Rudy Fantin, pianoforte. Gli altri due concerti saranno martedì prossimo, alle 20.30, nel Duomo di Gemona e il giorno successivo, alle 20.45, al Palamostre di Udine (tutte le serate sono a ingresso libero). Quindi, dopo una brevissima pausa natalizia, seguiranno negli ultimi giorni dell’anno altri due grandi appuntamenti: il Gran Galà dell’Operetta del Musical al Politeama Rosetti di Trieste, il 28 dicembre, e il Concerto di fine anno al Teatro Bratuz di Gorizia, il 30. In entrambe le occasioni, la bacchetta del direttore sarà affidata al maestro Romolo Gessi. Ma per queste ultime proposte c’è ancora tempo, per cui ne riparleremo in modo più approfondito.

—^—

In copertina e all’interno alcune immagini della bellissima serata al “Concordia”.

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com