Visits: 6

(g.l.) “Giorno della Memoria”: dal 2005 il 27 gennaio di ogni anno si celebra la ricorrenza decisa dalle Nazione Unite per ricordare le vittime della Shoah od Olocausto, nella stessa data del 1945 in cui avvenne la liberazione da parte delle truppe sovietiche del campo di concentramento di Auschwitz, negli ultimi mesi della Seconda Guerra mondiale. Ecco pertanto tre iniziative dedicate a questo ricordo organizzate a Casarsa della Delizia, a Reana del Rojale e a Tarcento.

CASARSA – Le vicende del popolo ebraico europeo oggi al centro della proposta di Casarsa. Alle 20.45, con ingresso libero sino esaurimento posti, nella sala consiliare di Palazzo Burovich de Zmajevich, si terrà infatti il Concerto della Memoria. Uno spettacolo a cura dell’Associazione culturale Saltarello con lettura scenica di Silvia Melotti ed un programma di musiche Klezmer (genere tradizionale degli ebrei aschenaziti dell’Est Europa). Si tratta di musiche per lo più rituali che originariamente accompagnavano le festività e le celebrazioni, matrimoni, funerali, battesimi, che nel corso dei secoli hanno incontrato i ritmi mediorientali, le melodie balcaniche e le influenze dello swing manouche, prima, e del jazz americano, poi. L’adattamento per trio da camera, con Davide Ceccato violino, Alessandra Cacciotta violoncello e Paolo Jus contrabbasso, consentirà di godere di un colore nuovo e di nuovi spunti per questo genere musicale.

REANA – Nella Chiesa parrocchiale di Qualso è stata allestita la mostra multimediale dedicata alla storia di Etty Hillesum, grande mistica ebrea. L’esposizione si avvale di fotografie in bianco e nero della giovane donna uccisa nel Lager di Auschwitz, di brani tratti dal suo diario di prigionia, nonché di un video. La mostra è stata presentata durante un incontro che prevedeva gli interventi dell’insegnante e scrittore Gianni Mereghetti, tra i curatori dell’esposizione, e dell’infermiera Elisabetta Gubellini, moderati da don Agostino Sogaro, titolare delle otto parrocchie del Rojale. La rassegna potrà quindi essere visitata fino al 29 gennaio con questi orari: oggi e domani 10-13 e 16-22, domenica 10-22.

TARCENTO – Questo pomeriggio, alle 18, nella sala della Biblioteca civica “Pierluigi Cappello”, il professor Elio Varutti parlerà sul tema “Elisabetta Reich, ebrea di Fiume, passa in Friuli e sopravvive ad Auschwitz”, Interverrà la dottoressa Bruna Zuccolin, presidente del Comitato provinciale di Udine Anvgd. L’iniziativa è sostenuta dalla Città di Tarcento con la collaborazione del Club per l’Unesco di Udine.

—^—

In copertina, Etty Hillesum la giovane ebrea ricordata dalla mostra di Qualso.

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com