Visits: 43

(r.c.) «Sabina Marzotta è riuscita di nuovo a stupirmi. Questa opera ha avuto il potere di lasciarmi qualcosa di particolare nell’anima, tanto che mi riesce davvero difficile scrivere queste righe senza sentirmi emotivamente coinvolto nel profondo»: le parole sono di Rocco Rescigno e concludono la sua prefazione al libro “La vera storia di Mary – Dalla violenza alla rinascita” che la presidente del Caffè Letterario Udinese presenterà, alle 18, nella sala della Libreria Tarantola, in via Vittorio Veneto (proprio sotto il campanile del Duomo). Dopo l’intervento introduttivo da parte di Maura Pontoni, a nome della Casa editrice L’Orto della Cultura, dialogherà con l’autrice il giornalista Giuseppe Longo, mentre Cristina Pozzo e Francesca Degano proporranno alcune letture di brani fra i più significativi della storia di questa giovane operaia di una fabbrica di conserve del Salento, nelle Puglie, che rimane vittima del “branco”, ma da questo episodio di grande dolore nasce una nuova vita, quella del piccolo Benedetto, che Mary ama con tutto il suo cuore. Una luce insomma in fondo al tunnel, alla quale allude proprio la “rinascita” cui si fa cenno nel sottotitolo del racconto.


Per Maria Sabina Mazotta si tratta, infatti, di una nuova fatica letteraria dopo i “Pensieri intrappolati” dell’epoca pandemica e dalla raccolta di una serie di bellissime poesie che riflettono il suo stato d’animo in una esperienza rivelatasi per tutti noi molto difficile, passa alla narrazione di una storia – quella di Mary appunto – che ripropone un tema di drammatica rilevanza di cui le cronache ne riferiscono, purtroppo, molto spesso. Quello della violenza nei confronti della donna, tematica pochi giorni fa anche al centro di una Giornata di riflessione internazionale, che spesso sfocia in tragedie inimmaginabili come quella della povera Giulia che ci ha accompagnato per oltre un mese e che continua a richiamare attenzione. Per fortuna, nella storia di Mary non si arriva a svolte così tragiche, tuttavia il problema della violenza esiste e va dato atto all’autrice di averlo trattato con grande sensibilità, avvincendo il lettore che legge questo libro, capitolo dopo capitolo, tutto d’un fiato, come osserva anche lo stesso Rescigno. Una storia, insomma, che ti “prende” coinvolgendoti come stessi vedendo un film che tratta i problemi della vita in questo nostro mondo fatto di tante cose belle, ma anche di tante altre drammatiche e che non si vorrebbe mai conoscere.
La presentazione odierna beneficia della collaborazione del Club per l’Unesco di Udine, presieduto da Renata Capria D’Aronco, sempre attento alle gravi tematiche che affliggono questa nostra società, proponendo di volta in volta occasioni di dibattito e di riflessione. Come quello della citata Giornata mondiale contro la violenza femminile.

—^—

In copertina, la scrittrice Maria Sabina Marzotta: alle 18 il suo nuovo libro alla Tarantola.

, , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com