Visits: 18

di Giuseppe Longo

PORDENONE – Parla ungherese il 33° Concorso internazionale Città di Porcia, dedicato quest’anno al trombone, il suggestivo “ottone” a tiro. Il primo premio è infatti andato a Botond Drahos; il secondo, assieme al Premio del Pubblico e a quello dei Giovani, all’olandese Tim Ouwejan; il terzo allo spagnolo Roberto de la Guia Martinez. Come dire, che nessun connazionale nell’edizione 2023 si è avvicinato al podio. I verdetti sono usciti al termine di una splendida serata organizzata dalla purliliese Associazione Amici della Musica “Salvador Gandino” al Teatro “Giuseppe Verdi” di Pordenone, una volta conclusa l’esibizione dei tre finalisti accompagnati dalla Fvg Orchestra, diretta per l’occasione dal maestro Massimiliano Caldi.

La premiazione dell’olandese Tim Ouwejan…

… e dello spagnolo Roberto de la Guia Martinez.

La sfida si è tutta sviluppata nella prima parte del concerto, quando i tre giovani interpreti si sono misurati su bellissime pagine di Nino Rota e del danese Launy Grøndahl, scritte proprio per trombone e orchestra. Quindi, dopo una breve pausa che ha consentito anche al pubblico di esprimere le sue preferenze, nella seconda parte – mentre la Giuria del concorso rifletteva e discuteva prima di emettere l’atteso verdetto – è stata protagonista soltanto la Sinfonica regionale, appena rientrata da una entusiasmante tournée in Repubblica Ceca e in Ungheria, che ha eseguito la bellissima Sinfonia n. 39 K 543 di Wolfgang Amadeus Mozart, la prima dei tre ultimi capolavori del Genio di Salisburgo. Lunghi e scroscianti gli applausi del pubblico, folto nonostante il maltempo fosse ancora in atto.
Al termine della parte orchestrale, sempre in attesa di conoscere il vincitore, i discorsi di rito, tra i quali, oltre a quelli dei dirigenti del Concorso, dei pubblici amministratori di Porcia e Pordenone, e del presidente del Teatro Verdi-padrone di casa, Giovanni Lessio, un posto di primo piano l’ha avuto quello del vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia, con delega alla cultura, Mario Anzil, il quale, impossibilitato a intervenire personalmente, ha parlato in un messaggio registrato proiettato sul maxi-schermo del teatro. «È un’iniziativa – ha osservato l’esponente della Giunta Fedriga, come fosse presente – che nel tempo ha saputo dare vita a uno scambio culturale certamente virtuoso, affermandosi come uno degli eventi musicali più rilevanti a livello internazionale e contribuendo così ad aumentare il prestigio di tutta la nostra regione. Scopo principale di questo concorso è, infatti, il confronto tra musicisti provenienti da scuole e tradizioni musicali diverse con stili interpretativi e tecniche strumentali differenti». Va detto, peraltro, che si tratta dell’unico appuntamento specifico per gli ottoni organizzato in Italia ed è considerato uno tra i più importanti al mondo.

La Fvg Orchestra diretta dal maestro Caldi.

L’intervento dell’assessore Mario Anzil.

Il saluto del presidente Giovanni Lessio.

«Accompagnati dall’Amministrazione comunale di Porcia – ha poi affermato il titolare della politica culturale della Regione Fvg – recentemente abbiamo fatto visita alla scuola di musica intitolata a Salvador Gandino. Una realtà assolutamente affascinante sia per il luogo in cui si trova, ma soprattutto per la bravura dei giovani musicisti e dei loro insegnanti. Rivolgiamo quindi un plauso agli organizzatori del Concorso internazionale che continua a valorizzare grandi talenti provenienti sia dal Friuli Venezia Giulia come da ogni parte del mondo».
Un’ottima riuscita, dunque, anche per questa 33ma edizione del Città di Porcia che dimostra tutta la sua vitalità e la capacità di richiamare tanti giovani concorrenti – quest’anno ce n’erano ben sessanta! -, per cui l’arrivederci è al prossimo anno. A quale strumento sarà collegato il 34° concorso? Lo scopriremo più avanti. Per il momento, accontentiamoci di assaporare ancora il successo di questa edizione che ha regalato tante soddisfazioni e pagine di grande, bellissima musica!

Un settore del folto pubblico in platea.

—^—

In copertina, il vincitore del Città di Porcia: è l’ungherese Botond Drahos.

, , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com