Visits: 63

«Amministratori pubblici e imprenditori non possono che esprimere grande amarezza per le recenti conclusioni del tavolo tecnico istituito a maggio presso la Presidenza del Consiglio per delineare i criteri sulla sussistenza o meno della scarsità della risorsa naturale disponibile. Dispiace che il Governo voglia dimostrare che non siamo in presenza di un bene limitato, giustificando in sostanza la non necessità delle gare per l’assegnazione delle concessioni». Lo ha affermato l’esponente dell’esecutivo regionale, Sebastiano Callari, durante il Tavolo interregionale degli assessori al Demanio marittimo, istituito in seno alla Conferenza delle Regioni e convocato in modalità telematica per discutere l’annoso problema delle concessioni demaniali marittime che in Friuli Venezia Giulia riguardano soprattutto le spiagge di Lignano e Grado.


»«I Comuni sono inevitabilmente in subbuglio – ha aggiunto Callari -. Il nostro dovere è quello di assumere posizioni chiare nell’interesse delle moltissime aziende attive in un settore strategico per l’economia italiana». Il Tavolo interregionale ha stabilito, inoltre, di chiedere al presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, di intervenire ufficialmente presso l’Esecutivo nazionale per conoscere quali siano i suoi obiettivi e quale la strada che tutti insieme si debba intraprendere in questa partita.
Analogamente, si è deciso di istituire un gruppo di lavoro per effettuare, territorio per territorio, una ricognizione sui Piani di utilizzazione del demanio marittimo statale con finalità turistico-ricreativa e per delineare le prime linee guida condivise per la pubblicazione dei nuovi bandi per l’assegnazione delle concessioni.
«Dall’odierno Tavolo interregionale degli assessori al Demanio marittimo è emersa inoltre un’indicazione che potrebbe rivelarsi particolarmente utile per il Governo. Prevedendo una prelazione per i vecchi concessionari, a gara ultimata questi ultimi – nel caso non risultassero vincitori – potrebbero esercitare tale diritto, con l’obbligo però di allinearsi – ha concluso Callari – alle caratteristiche della proposta risultata migliore».

—^—

In copertina e qui sopra due immagini del mare di Grado e Lignano a fine stagione; all’interno, l’assessore Sebastiano Callari.

 

, , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com