Visits: 2

Un concerto speciale, costruito intorno alla suggestione dei Quintetti di Boccherini per chitarra e Quartetto d’archi, integrato dal classicismo di Haydn e Mozart: è quello che sigla il gran finale della Stagione cameristica Cromatismi 2.0 di Trieste, promossa da Chamber Music e diretta dalla pianista e musicologa Fedra Florit.
Appuntamento stasera, alle 20.30, al Teatro Miela, dove il pubblico potrà applaudire Giampaolo Bandini, uno dei chitarristi più amati sulla scena mondiale, e il Quartetto Adorno, pluripremiato e in grande ascesa nelle sale da concerto italiane e internazionali. Dal loro incontro nasce appunto il concerto che chiuderà Cromatismi 2.0, alternando pagine di Luigi Boccherini, ovvero il Quintetto in do maggiore G 453 e il Quintetto per chitarra e archi in re maggiore “Fandango” G 448, due opere ben note per la perfetta formazione dei quattro archi, a due ulteriori estratti dai “classici” Wolfgang Amadeus Mozart, con il Quartetto per archi in do maggiore “Dissonanze” K 465, e Franz Joseph Haydn, con il Quartetto per archi in do maggiore op.76 n.3 “Emperor”. Un grande maestro, dunque, Giampaolo Bandini, e quattro cameristi giovani e in grande ascesa, dotati di un’evidente cifra stilistica e di un repertorio intenso e originale.

Il Quartetto Adorno.

Biglietti da TicketPoint Trieste, dettagli sul sito acmtrioditrieste.it
Cromatismi 2.0 è una Stagione sostenuta dal Ministero della Cultura con la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, Banca Mediolanum, Suono Vivo – Padova, Fondazione Casali e Zoogami.

—^—

In copertina, il grande chitarrista Giampaolo Bandini atteso a Trieste.

, , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from FriuliVG.com